Papetura – Una recensione che si incarta

Papetura non è solo un videogioco, è un'esperienza audiovisiva costata 6 anni di sviluppo a un unico sviluppatore: Tomasz Ostafin (Petums)

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Avventura Grafica
Multiplayer: no
Lingua/e: Nessuna

Basta videogiochi, parliamo di arte!

Come mi accade da un po’ di anni a questa parte, sono giunto impreparato alla schermata iniziale di Papetura. Come per libri, film e serie TV, preferisco fruire ogni nuovo videogioco senza pregiudizi, senza pareri parziali partoriti dalla visione di un trailer o di uno screenshot. Tuttavia, prima di accettare un codice review, devo avere un minimo di info, perché non prendo mai un impegno senza assumermi le mie responsabilità.

L’ideatore (sì, al singolare) di Papetura è l’artista polacco Tomasz Ostafin, in arte Petums, che annovera come fonte di ispirazione il videogioco The Neverhood, avventura punta e clicca datata 1996, finanziata da Dreamworks, e fatta tutta in Claymotion. Papetura non ha avuto i soldi di Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg, David Geffen e Microsoft a supporto, e questo si è tradotto in 6 anni di duro lavoro, tra studio dei materiali e realizzazione effettiva.

Uno dei “set” costruiti per il videogioco

La storia di Papetura ci narra di Pape, una creatura di carta, intrappolata in una prigione floreale. Un giorno Pape scappa e incontra Tura, una creatura ancora più stramba di lui, a metà strada tra un bazooka e un gatto, e la prenderà sotto la sua ala protettiva. Insieme affronteranno i pericoli messi in atto da una creatura oscura che intende gettare in preda al fuoco la flora e fauna che li circonda.

Il setting è un po’ generico ma non privo di fascino. Assistiamo a un ecosistema composto da esapodi dalle svariate forme e da piante più o meno aggressive. Non sappiamo se per scelta o meno, ma non c’è una distinzione tra buono e cattivo e sembra di assistere a una puntata di Minuscule, dove però ogni cosa è fatta di carta. Tra Pape e il mondo circostante non esiste dialogo, se non sotto forma di versi e di pensieri illustrati con chiarissimi disegni all’interno di una vignetta.

Siamo davanti alla più classica avventura punta e clicca, dove a un clic corrisponde una interazione. A parte quello Pape va in giro con l’analogico sinistro e Tura mira e spara con l’analogico destro e il dorsale R. Se questo schema di controlli vi sembra blando, lo è. A dirla tutta Papetura non è minimamente paragonabile al più arguto Machinarium, eppure l’ispirazione Amanita Design si sente tutta.

Ho usato il verbo “sentire” non a caso, visto che quando Petums ha individuato in Zorya le musiche perfette per la colonna sonora della sua opera, il compositore Tomas Dvorak, in arte Floex, ha deciso di comporre nuova musica ad hoc anziché semplicemente concedere il permesso d’uso di brani già editi. Se vi si è accesa una lampadina, le vostre sinapsi funzionano alla grande: Floex è il compositore dietro ai brani presenti in Machinarium e Samorost. Completa il team di sviluppo Juraj Mravec, sound designer.

Ciao creatura simile a un cuscino di divano, resta lì, avrò ancora bisogno di te al ritorno

Se avete visto uno screenshot del gioco soltanto a questo punto della recensione, è perché ho voluto preservarvi ogni scoperta. Papetura è un gioco breve, molto breve. Il fact sheet annovera 2 ore, ma io dico che siamo sull’ora e mezza, addirittura meno di un’ora se si conosce già tutto. Meccanicamente non offre nulla di nuovo, e gli enigmi non sono certo una sfida per il cervello.

Le poche volte in cui avrete un dubbio, lo dissiperete in breve tempo, giusto quello di guardarvi intorno e tornare in una stanza già visitata. C’è un sistema di aiuti che vi mostrerà il prossimo passo da fare a seguito di un microgioco da pochi secondi. Eppure Papetura è un’esperienza che tutti dovremmo concederci, per svariati motivi.

Il microgioco per accedere agli indizi

Le atmosfere quasi lynchiane, il piacere della scoperta e del contatto con un mondo sconosciuto, tuttavia inventato da un essere umano. Anche fosse solo per capire cosa può fare quell’essere umano con della carta e tanta inventiva. Parlare di Papetura in termini di meccanica è svilirlo. Papetura mi ricorda un po’ quel Bulb Boy che ho recensito tempo addietro, ma portato all’estremo. Perché la parte giocosa è molto rarefatta, mentre il comparto artistico è in primo piano.

Quando si spendono 9,99€ per un’opera del genere si deve essere consapevoli che l’esperienza sarà tutto quello che otterremo, un’esperienza più simile a un cortometraggio neorealista o a una visita a un museo d’arte che a una sessione di Splatoon. Forse abbiamo bisogno di tutte queste esperienze, la più lunga e dinamica possibile e la più rilassata e suggestiva seppur breve. Forse qualcuno ha bisogno solo dell’una o dell’altra. Sta a voi.

Finito troppo in fretta, ma non senza essere grato al Publisher che ha fornito gentilmente il codice
Pro: Papetura è un’esperienza artistica dolce e sensuale, scura come la notte, tenera come un ecosistema di insetti operosi
Contro: Qualcuno quando spende 9,99€ vuole un vivere un’avventura lunga e piena di tensione. Non c’è nulla di male, semplicemente Papetura è altro, non ha azione ed è molto breve. Ma anche chi cerca un’avventura grafica potrebbe avere da ridire per gli stessi motivi
8

Potrebbero interessarti

Recensioni

Warp Drive, una recensione in 240p

Belli i giochi di corse, ma è meglio vedere dove si va Nel corso degli anni su Nintendo Switch sono arrivati praticamente tutti i generi

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

No more posts to show