Super Mario Bros. – Il Film, una recensione cinematografica

super mario Bros il film

Condividi l'articolo

Genere: Film
Lingua/e: Italiano

Super Mario approda finalmente al cinema dopo diversi mesi di attesa e non ci lascia affatto delusi

Nintendo e Super Mario sono praticamente la stessa cosa al giorno d’oggi. Una è tra le software house storiche più importanti del settore mentre l’altra è una delle IP più importanti dell’intero panorama videoludico, sia del passato che odierno. E sappiamo tutti quanto Nintendo consideri importante Mario, basti pensare al fatto che difficilmente software house di terze parti possono produrre titoli con l’idraulico al suo interno e, quando accade, l’ombra di Shigeru Miyamoto si staglia impavida e silenziosa alle spalle del gruppo di sviluppo designato (come accaduto per Mario + Rabbids).

Ma oggi noi siamo qui per parlare di qualcosa di diverso, qualcosa che aveva già visto un timidissimo tentativo di approdo al cinema tanti anni fa con scarsi risultati e che, oggi, torna in grande spolvero nelle sale. Super Mario Bros. – Il Film, la pellicola che ogni fan dell’idraulico italiano più famoso del mondo stava aspettando con tanta ansia è finalmente giunto sul grande schermo.

Leggero e colorato

Il film, creato in collaborazione tra Nintendo e lo studio Illumination (già noto per Cattivissimo me e Minions, tra le pellicole più recenti), è un’immersione incredibile nel mondo colorato e spensierato di Mario, estremamente ricco di easter egg che spingeranno i fan più accaniti alla continua ricerca di spunti e indizi, con continui richiami a tantissimi titoli che nel corso degli anni hanno costellato l’enorme galassia del nostro amato idraulico.

E la storia, come prevedibile, è assolutamente leggera e molto poco invasiva. La peculiarità di questa pellicola è che sembra quasi abbia riversato in un film l’intero gameplay di Super Mario Odyssey, il titolo 3D più recente lanciato in esclusiva su Nintendo Switch nel 2017. Ci sono intere sezioni del film che sembrano veri e propri livelli, a cominciare proprio da inizio film con la rincorsa di Mario e Luigi verso la loro prima missione in quanto a idraulici, dove il punto di vista della telecamera virtuale si sposta di lato e trasforma la città in un classico livello da videogame.

Il tutto funziona, e funziona incredibilmente bene. E’ emozionante, per un fan, notare i tanti piccoli dettagli che costellano l’ora e mezza necessaria per vedere l’intera pellicola, a partire dal notare le mandrie di Yoshi che si muovono lontane dall’azione principale, al vedere come Donkey Kong riesca ad attivare il turbo del suo Kart, a godersi le atmosfere del Mondo Oscuro in cui si ritrova Luigi e molto altro. E’, a tutti gli effetti, una pellicola perfettamente studiata e ricamata addosso a chi conosce Super Mario in tutte le sue declinazioni, non solo della serie principale ma anche dei suoi Spin-Off più celebri.

Un altro punto a favore della pellicola è la colonna sonora, veramente incisiva e con le canzoni messe al punto giusto, in grado di rimarcare con forza l’azione in corso a schermo e di trascinare con sé anche il pubblico spettatore del grande schermo. Troviamo infatti un mix tra canzoni di ogni genere e brani composti per l’occorrenza, e tutte le tracce si mixano alla perfezione tra di loro con gli eventi del film.

Mario parla e Peach è una forza

Per la prima volta nella storia ci troviamo di fronte ad alcune scelte quasi rivoluzionarie per il brand, ovviamente obbligatorie data la natura stessa del film. I personaggi parlano, hanno interazioni complesse, dialogano circa gli eventi in corso e molto altro. Per molti questa può sembrare una cosa banale, ma per i fan di Super Mario, abituati a sentire ben poco oltre ai classici “It’s a-me, Mario” e “Yu-huuu“, questa è una novità di non poco conto.

E lo fanno con un doppiaggio molto riuscito su diversi personaggi, dove alla voce di Mario troviamo il perfetto Claudio Santamaria, veramente ottimo nella sua interpretazione del personaggio. In linea generale tutti i doppiatori hanno svolto un grande lavoro, caratterizzando i relativi personaggi virtuali e donando loro una buona profondità. L’unico, invece, su cui facciamo fatica a trovare un’idea di massima è il doppiaggio fatto per Bowser.

Attenzione, il doppiatore è stato bravissimo ad interpretarlo e la sua voce calza comunque molto bene sul cattivo più famoso del mondo, eppure sapere di avere Jack Black dall’altra parte dell’atlantico, con la sua strepitosa voce e il suo tono incredibilmente azzeccato per questo personaggio, ci spinge quasi a voler riguardare tutto il film in lingua originale. Bowser risulta quasi più cattivo e minaccioso, più inferocito e malevolo. Potrebbe essere solo una sensazione, ma tant’è.

Quello che, oggigiorno, potremmo definire leggermente “cringe” è il tono italo-americano che è stato dato alla famiglia di Mario e Luigi. Un po’ troppo calcato forse più sul padre che sul resto della famiglia, il quale gesticola più di un italiano appena uscito da una festa di paese. Su tutto il resto, invece, non possiamo che essere felici delle scelte prese da Illumination. Valentina Favazza è stata davvero molto brava a doppiare Peach, la principessa leggermente sbadata ma vera forza della natura che riesca a trascinare Mario nelle sue avventure (e anche dotata di un certo grado di pazienza, guardate il film e vi renderete conto del perché).

Un prodotto ottimo ma con un difetto

Come abbiamo potuto vedere fino a ora, Super Mario Bros. – Il Film è un prodotto veramente ben confezionato e divertente, ricco di gag molto simpatiche e leggere che non pesano quasi mai sullo spettatore ma anzi, e sono ben integrati nella narrativa inquadrabile nei classici canoni della serie.

I continui rimandi a meccaniche dei videogiochi e ad altri personaggi contribuiscono a creare un mondo vivo e colorato, ma questo è veramente solo un punto positivo?

E diciamo questo perché, al netto delle schiere di fan amanti del brand, la sensazione è che chi si approccia per la prima volta a Mario tramite il film oppure è appena entrato nel brand magari da Super Mario Odyssey farà molta fatica a notare la miriade di spunti e di richiami che costellano tutta la pellicola. Non è ovviamente un male ed è scontato che questo accada, ma la sensazione è che, dopotutto, questo non sia un film veramente per tutti ma che solo i fan di Super Mario potranno apprezzarlo nella sua interessa, lasciando comunque un film molto piacevole ed apprezzabile anche per chi fosse meno esperto del famoso brand.

C’è un ulteriore difetto su cui vorremmo porre l’accento, anche se è più una sensazione che altro. La pellicola dura all’incirca un’oretta e mezza, durata piuttosto onesta considerando tutto. Eppure, ci sono state alcune scene in cui abbiamo avuto l’impressione che gli eventi andassero troppo di fretta. Parliamo di pochissime scene, quindi niente di drammatico, eppure in alcuni frangenti avremmo apprezzato qualche minuto in più per scoprire meglio gli avvenimenti oppure per esplorare meglio alcune scene che invece vengono mostrate quasi di sfuggita (per esempio, sarebbe stato bello avere qualche minuto in più di Luigi nella casa stregata, avrebbe dato maggiore risalto al fratello di Mario e ci avrebbe lanciato ancora di più in quella splendida atmosfera alla Luigi’s Mansion).

A parte questo, siamo sicuri che nel corso degli anni avremo modo di vedere nuovamente Mario e Luigi sul grande schermo, e speriamo di vedere diversi personaggi che in questa prima pellicola sono stati giusto appena accennati.

La pellicola dura all’incirca un’ora e mezza
Pro: Trama leggera e godibile, ricco di easter egg del mondo di Super Mario, ottimo doppiaggio, il mondo e colorato e incredibile da vedere
Contro: Molti richiami sono comprensibili solo da chi gioca a Super Mario da anni
8

Potrebbero interessarti

Recensioni

Unicorn Overlord, una Vanillarecensione

Vanillaware sgancia la bomba e porta un gioco strategico di tutto rispetto nelle nostre maniSono anni e anni che sentiamo parlare di Vanillaware, una software

Recensioni

Persona 3 Portable, recensione di mezzanotte

Il terzo capitolo sbarca su Nintendo Switch con l’edizione più controversaSe Persona 4 Golden è stato il titolo dell’ascesa di Atlus nell’olimpo del genere JRPG

Persona 4 Golden
Guide

Persona 4 Golden, guida ai quiz in classe

Ecco una pratica e utile guida per districarci nel panorama scolasticoPersona 4 Golden è un gioco già molto stratificato di suo, tra battaglie all’ultimo sangue

Articoli

Le abilità di copia più forti di Kirby!

Riscopriamo l’arsenale della pallina rosa a pochi giorni di attesa da Return to Dream Land DeluxeAmiche e amici di NintendOn, buon San Valentino! In occasione

Recensioni

Warp Drive, una recensione in 240p

Belli i giochi di corse, ma è meglio vedere dove si vaNel corso degli anni su Nintendo Switch sono arrivati praticamente tutti i generi videoludici

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto FantasticoLa Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere e

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti!Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il bel

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa!Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di Jimi

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS!Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha intrapreso

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso?I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così non

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto!Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese con