Speciali

Pokémon: EV, IV e Nature, questi (semi) sconosciuti

Scritto da

Pubblicato il
06 Novembre 2019

Scopriamo cosa si cela dietro il competitivo Pokémon

“Un Pokémon allenato da un allenatore, a parità di livello, è più forte di un Pokémon selvatico”. Quante volte avete sentito queste parole? Bene, sappiate che dietro quest’affermazione c’è pura e semplice matematica. Se non avete mai sentito parlare di IV, di EV, se non avete mai pensato di rendere il vostro mostro tascabile una macchina da guerra — e no, non ha niente a che fare con il raggiungimento del livello 100 — allora questo è l’articolo che fa per voi.

Proverò a spiegarvi, cercando di semplificare il tutto, cosa fa intrippare i maniaci del competitivo e come massimizzare il potenziale del vostro Pokémon ad uovo appena schiuso.

EV

Gli EV (Dall’inglese Effort Values) sono, nella pratica, punti che vengono attribuiti durante la lotta. Anche chiamati Punti Allenamento, vengono guadagnati dal vostro Pokémon quando sconfigge un selvatico o il Pokémon di un altro allenatore. Ma a cosa vengono assegnati? Alle statistiche del vostro Pokémon. PS (Punti Salute), Attacco, Attacco Speciale, Difesa, Difesa Speciale, Velocità. Vi sarete sicuramente imbattuti in questi parametri durante le vostre avventure e avrete fatto riferimento ad essi per valutare il potere della vostra bestiola.

Le domande che dovreste porvi: quale meccanica influisce sul valore di questi numeretti? Quel +8 non sembra un numero anomalo?

Quando il Pokémon viene generato ex novo (quindi quando viene incontrato nell’erba, quando viene donato, eccetera eccetera), ogni statistica ha assegnati 0 punti EV perché non vi è stata alcuna battaglia. Ogni Pokémon, in totale, può guadagnarsi 510 punti EV, ed ogni statistica può accumulare un massimo di 252 punti EV. Ogni 4 punti EV guadagnati, la nostra statistica, oltre al numero di punti base, effettuerà un +1 al salto di livello.

Ma secondo quale criterio vengono assegnati? Beh, ogni Pokémon sconfitto ha il suo numero predeterminato di punti EV da “regalare”. Il nostro simpatico Rattata, ad esempio, ci donerà un punto EV in Velocità. La sua evoluzione, Raticate, ce ne donerà 2, sempre in Velocità. Ma esistono anche Pokémon che regalano EV misti, come Parasect, che sgancia 2 punti EV per l’Attacco e uno per la Difesa.

Visto che la matematica non è un’opinione, sconfiggendo 4 Rattata, al passaggio di livello, il nostro Pokémon segnerà un +1 alla statistica Velocità oltre ai punti base già previsti.

Esempio

Charizard è al livello 49 e non ha alcun punto EV assegnato. Mangia una Caramella rara e passa al 50. Le sue statistiche compiono il seguente upgrade:

PS +3, Attacco +2, Attacco Speciale +3, Difesa +2, Difesa Speciale +2, Velocità +3.

Lo stesso Charizard si mette un po’ d’impegno e sconfigge ben 4 Raticate (8 punti EV in Velocità). Passa al livello 51, e questo è il risultato:

PS +3, Attacco +2, Attacco Speciale +3, Difesa +2, Difesa Speciale +2, Velocità +5.

Cosa è accaduto? La statistica Velocità ha guadagnato 2 ulteriori punti oltre a quelli base. Semplificando il tutto, Charizard ha riscattato i punti EV guadagnati. E se fossero stati 10? Semplice, avrebbe usato 8 punti EV e conservato i punti rimanenti per il passaggio di livello successivo, nella speranza di racimolarne come minimo altri due.

Ora, capirete anche voi che ci sono due modi per allenare il vostro Pokémon:

  • Sconfiggere qualsiasi bestiola vi capiti a tiro, accumulare punti EV in ogni statistica e, una volta raggiunto il cap di 510 punti, vedere pompate tutte le statistiche un po’ a caso.
  • Evsare (questo è il termine tecnico) il vostro Pokémon nelle statistiche più utili nella lotta. Scegliere quindi tre statistiche (o anche più) e attribuire ad ognuna 252/252/4 punti EV.

Esempio

Charizard punta molto sull’Attacco Speciale e sulla Velocità. L’ideale sarebbe assegnare 252 punti a queste due statistiche e altri 4 punti, ad esempio, ai PS. La terza statistica, in genere, viene scelta a seconda del ruolo del nostro Pokémon in ambito competitivo.

So cosa vi state chiedendo. C’è modo di “controllare” questi punti? La risposta è sì. Le vitamine (Proteina, Calcio, Zinco ecc) fanno guadagnare 10 punti EV in una determinata statistica se la statistica prescelta ha meno di 100 EV assegnati. Alcune bacche, al contrario, sottraggono 10 punti EV. Gli strumenti Vigor (Vigorcerchio, Vigorlente ecc) forniscono 8 punti EV aggiuntivi a combattimento ultimato.

In sesta generazione abbiamo avuto il SAV (Super Allenamento Virtuale), un sistema molto pratico, accessibile direttamente dal touch screen, che permetteva di far guadagnare punti EV completando dei minigiochi. Con la sesta generazione è stato possibile vedere questi punti, in precedenza bellamente nascosti, con un grafico.

Il SAV.

In settima generazione abbiamo perso il SAV ma abbiamo guadagnato il Poké Resort, che ci permette di potenziare una statistica a scelta mentre facciamo tutt’altro per il mondo di gioco. Il grafico EV è consultabile con la pressione di un tasto ed alcune strutture del Festiplaza potenziano o riducono i punti EV.

Menzione finale va al Pokérus, uno “status” che si contrae in modo del tutto fortuito e che raddoppia i punti EV guadagnati ad ogni scontro.

IV

Eccoci agli IV, abbreviazione di Individual Values (Valori Individuali in italiano). Che roba è? Nella pratica, abbiamo a che fare con i geni dei nostri Pokémon. Geni che li rendono più forti o più deboli in una determinata statistica.

I punti IV assumono un valore che va da un minimo di 0 a un massimo di 31. Abbiamo quindi 32 valori che andranno ad influenzare il potenziale massimo di una statistica base, specifica per ogni specie di Pokémon. Gli IV vengono attribuiti, in maniera del tutto randomica, all’incontro del Pokémon selvatico, quando viene ricevuto il suo uovo o quando ci viene donato da un NPC.

Esempio

L’attacco di un Tyranitar (statistica base: 134) ha 10 punti IV. Il suo valore, con il maggior numero di punti EV attribuiti e la natura giusta (che vedremo in seguito) non andrà oltre i 380 punti al livello 100. Ma, quando i punti IV sono 31, l’Attacco raggiunge il ben più temibile valore di 403 punti. Ci sono 23 punti di distacco che, vi assicuro, fanno la differenza in ambito competitivo.

Ok, sappiamo adesso come interpretare questi “geni”. Ma anche qui sorge spontanea una domanda: possiamo controllarli? La risposta è sì, ma, a differenza degli EV, gli IV sono un mondo a parte. Si tratta di entrare nel mondo dell’eugenetica.

Da Wikipedia: Il termine eugenetica (derivante dal greco εὐγενής eugenes-ben nato da εὖ eu-buono e γένος genos-razza, parentela, stirpe) indica tutto un insieme di teorie e pratiche miranti a migliorare la qualità genetica di una certa popolazione.

Per ottenere il Pokémon con gli IV massimizzati, il cosiddetto esemplare flawless, si può procedere con l’allevamento. Gli IV sono ereditabili. Con la sesta generazione, in ogni caso, è stato notevolmente semplificato questo processo: ben 5 IV di un genitore che tiene Destincomune, infatti, saranno ereditati dal futuro nascituro. Il breeding dei Pokémon costituisce l’essenza stessa del mondo competitivo ed è un processo lungo e ricco di sfaccettature, che speriamo di trattare in un articolo dedicato.

Durante il breeding si arriva molto spesso a “forzare” l’accoppiamento di più esemplari della stessa specie, a praticare un’immoralissima catena di incesti con un unico fine: ottenere un Pokémon con almeno 5 IV al 31. Perché 5 e non 6? Perché, in genere, un Pokémon allenato per il competitivo non fa uso di uno dei due attacchi. Prendendo come esempio il nostro Tyranitar, sarebbe inutile avere 31 IV in Attacco Speciale se la statistica che lo rende un mostro di potenza è l’Attacco.

In questo caso abbiamo ben tre Stat su sei con 31 IV.

In settima generazione è stato introdotto l’Allenamento Pro, una pratica che permette di massimizzare uno o più IV. In questo caso, tuttavia, i Valori Individuali non vengono modificati, ma considerati come se fossero massimizzati. Nella pratica, è possibile massimizzare l’Attacco di un Tyranitar anche se quest’ultimo ha 10 punti IV in quella statistica.

Dalla terza generazione, poi, è stato introdotto il Giudice Statistiche, un NPC che informa il giocatore sul potenziale del Pokémon esaminato e che permette di comprendere quale valore IV nasconde una statistica. In settima generazione egli compare all’Albero della Lotta ma, una volta schiuse 21 uova, gli IV sono comodamente consultabili anche da PC.

Nature

Concludiamo infine con le Nature. Trattasi di una meccanica introdotta in terza generazione e che contribuisce a diversificare la popolazione delle specie Pokémon. In che modo? Le Nature, che vengono decise randomicamente, come gli IV, accrescono il valore di una statistica del 10% e abbassano del 10% quello di un’altra statistica.

Delle sei statistiche di un Pokémon, solo i PS non vengono toccati da questa meccanica. In totale le Nature sono 25 e, di queste, 5 non hanno alcun effetto sulle statistiche del nostro mostriciattolo, sono considerate “neutre”.

Vediamole nel dettaglio:

NATURA+10%-10%
Ardita//
SchivaAttaccoDifesa
AudaceAttaccoVelocità
DecisaAttacco Attacco Speciale
BirbonaAttaccoDifesa Speciale
SicuraDifesaAttacco
Docile//
PlacidaDifesaVelocità
ScaltraDifesaAttacco Speciale
FiaccaDifesaDifesa Speciale
TimidaVelocitàAttacco
LestaVelocitàDifesa
Seria//
AllegraVelocitàAttacco Speciale
IngenuaVelocitàDifesa Speciale
ModestaAttacco SpecialeAttacco
MiteAttacco SpecialeDifesa
QuietaAttacco SpecialeVelocità
Ritrosa//
ArdenteAttacco SpecialeDifesa Speciale
CalmaDifesa SpecialeAttacco
GentileDifesa SpecialeDifesa
VivaceDifesa SpecialeVelocità
CautaDifesa SpecialeAttacco Speciale
Furba//

Tornando al nostro Tyranitar, secondo voi quale sarebbe la Natura prediletta per lui? La Natura Decisa farebbe proprio al caso suo: potenzieremmo l’Attacco, la sua statistica più forte, per sacrificare l’Attacco Speciale, parametro del tutto ininfluente per lui durante la lotta. Ovviamente, il metagame prevede anche soluzioni, ma non siamo qui per approfondire questo aspetto adesso.

La Natura, come gli IV, è ereditabile tramite accoppiamento; basterà che uno dei genitori tenga come strumento la Pietrastante.

Ora va’ e semina distruzione.

Spero che l’allenamento dei Pokémon vi sia adesso un pochetto più chiaro. La verità è che ci sarebbe tanto, tanto altro di cui parlare, dall’evsaggio selvaggio in poche ore, all’ottenere il Pokémon perfetto con metodi tanto discutibili quanto efficaci. Tutti argomenti che spero di approfondire in futuro, magari con l’arrivo dell’ottava generazione.

835 PHP files were required to generate this page.