Warhammer 40,000: Shootas, Blood & Teef – Recensione nel lontano futuro

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Sparatutto a scorrimento laterale
Multiplayer: Sì
Lingua/e: Italiano (testi) /Inglese (doppiaggio)

WAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAGH

Chi mi conosce lo sa. Esiste un gioco di Warhammer 40.000? Devo giocarci. Quindi non potevo tirarmi indietro dal fagocitare anche questo Shootas, Blood & Teef.

Gli sviluppatori di Guns, Gore e Cannoli provano a portare una formula similare nelle fosche tenebre del lontano futuro e quale modo migliore per farlo scomodando gli Orki, forse l’unica razza del mondo di Warhammer 40.000k che si presta a portare su schermo un gioco dal tono completamente ironico, sopra le righe e scanzonato. Anche se il meraviglioso libro The Infinite and the Divine ci ha dimostrato che c’è posto per l’umorismo ovunque nel mondo di Warhammer, basta essere bravi scrittori.

Warhammer 40,000: Shootas, Blood & Teef è uno sparatutto a scorrimento laterale con controllo da twin stick shooter. Possibile giocarci tanto in solitaria quanto in multiplayer. La durata dell’avventura è di circa 4 ore. E sono quattro ore di Dakka, cioè di sparare, far esplodere cose e ridere per quel che accade, tra l’assurdità degli eventi a proprio la caratterizzazione del tutto.

Esiste un sistema di equipaggiamento, che permette al protagonista di scegliere tra tre diverse armi con le quali portare del glorioso dakka sui suoi avversari, oltre che ad un copioso numero di accessori estetici, tutti acquistabili con i denti recuperati dalla battaglia.

Su Switch non è però tutto rose e fiori. Tempi di caricamento molto lunghi e performance scarse quando l’azione su schermo accelera e si ingrandisce minano la giocabilità e la godibilità totale.

Se avete la possibilità e vi piacciono questo tipo di esperienze, il consiglio è recuperarlo su piattaforme con un po’ più di potenza sotto la scocca.

Zparato in lungo e largo nella campagna con un codice fornito dal publisher
Pro: Azione frenetica e divertente, umorismo azzeccato
Contro: Performance su Switch carenti.
6

Potrebbero interessarti

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

No more posts to show