Recensioni

Metroid Prime: Federation Force – Recensione

Game

Ci sono giochi che fin dall’annuncio vengono presi di mira per qualche motivo e una volta usciti, difficilmente riescono a scrollarsi di dosso il pregiudizio. Le ragioni possono essere tante, ma decidere le sorti di […]

Ci sono giochi che fin dall’annuncio vengono presi di mira per qualche motivo e una volta usciti, difficilmente riescono a scrollarsi di dosso il pregiudizio. Le ragioni possono essere tante, ma decidere le sorti di […]

Nintendo 3DS
Agosto 19, 2016
Genere
FPS/Adventure
Lingua
Italiano
Multiplayer
4 giocatori offline (con copia del gioco) e online

Ci sono giochi che fin dall’annuncio vengono presi di mira per qualche motivo e una volta usciti, difficilmente riescono a scrollarsi di dosso il pregiudizio. Le ragioni possono essere tante, ma decidere le sorti di un prodotto senza dargli una possibilità è sbagliato, sempre e comunque, anche se si tratta di Metroid Prime: Federation Force, titolo che effettivamente sembra fatto apposta per attrarre le antipatie di una fanbase frustrata e maltrattata. Pertanto, prometto che in sede di recensione eviterò di dire “avrei preferito Metroid Prime”. Anche perché dovrei dirlo per ogni gioco.

Federation Force è un prodotto che unisce il gameplay e le atmosfere della trilogia di Retro Studios a quelle arcade ed action degli sparatutto in multiplayer, creando qualcosa di completamente nuovo per la serie. Niente Samus, niente backtracking, niente power-up da ottenere: stavolta vestiamo i panni di un soldato della federazione che pilotando un avanzatissimo mech dovrà sventare i piani dei pirati spaziali, il tutto da soli o in compagnia di altri tre commilitoni pronti a sparare a tutto ciò che si muove.

3DS_MetroidPrimeFederationForce_02 (1)
“Vivo o morto, tu verrai con me!”

I controlli del gioco sono pressapoco identici a quelli di Metroid Prime: i movimenti sono relegati all’analogico mentre il mirino si muove tenendo premuto R e usando i giroscopi, anche se il fulcro di questo collaudatissimo gameplay risiede nel tasto L, che aggancia il nemico permettendo di muoversi, saltare e sparare con agilità. I possessori di New Nintendo 3DS hanno la possibilità di impostare il secondo analogico per muovere il mirino come in qualunque altro fps, soluzione appetibile ma non superiore a quella classica.

In entrambi i casi, una volta agganciato il bersaglio si può comunque spostare il cursore con i sensori per sparare con precisione, permettendo di colpire i nemici nei punti deboli e arrecare maggiori danni. Questa piccola ma nuova aggiunta è strettamente legata al gameplay molto più frenetico del solito, che richiede sangue freddo e prontezza: non a caso la precisione fa parte del punteggio assegnato alla fine di ogni missione.

3DS_MetroidPrimeFederationForce_03
“Geemer? Ha parenti su Tallon IV per caso?”

Qualche lettore, alla parola missione, si sarà già sentito male. In fin dei conti, Federation Force è un gioco arcade che chiede al giocatore di migliorarsi sempre di più per potenziare ulteriormente il proprio mech e sbloccare verniciature differenti. Ogni missione è una piccola avventura, con tanto di enigmi basilari da risolvere e Mod segrete da trovare, che permettono di migliorare le statistiche del mech. Queste Mod sono quasi tutte distruttibili e questo spinge il giocatore a raccoglierne il più possibile.

Il level design del gioco è quindi simile a quello di Metroid Prime, ma semplificato in termini di ambizione. Le fasi sparatutto sono sicuramente in maggioranza, mentre l’esplorazione e i puzzle fanno da contorno. Il risultato è buono: alcune missioni hanno idee molto interessanti, reinterpretazioni di situazioni tipiche da fps in salsa Metroid. Altre, purtroppo, sono un po’ noiose e non sempre divertenti come vorrebbero. In ogni caso la varietà di idee scaturite dai Next Level Games è apprezzabile.

3DS_MetroidPrimeFederationForce_10
Ma come fa Samus a fare tutto da sola?

In base alla missione dovrete catturare mostri giganti, disinnescare bombe, salvare reliquie, sempre sconfiggendo nemici e esplorando la zona. Il livello di difficoltà dipenderà parzialmente dai vostri compagni: non fatevi ingannare dalle aspettative, questo gioco sa essere cattivo al punto giusto e premia le persone intelligenti in grado di collaborare. Se vi trovaste in pericolo, un proiettile curativo di un compagno potrebbe cambiare le sorti della partita. E in caso foste soli, la modalità single player prevede l’utilizzo di Mod speciali di grande aiuto, insieme alla possibilità di avere carta bianca sulla scelta delle armi speciali.

All’inizio di ogni missione infatti, i giocatori devono decidere quali tipi di arma speciale portare con sé; missili, raggi congelanti, proiettili curativi, trappole, ecc. La scelta di questi oggetti dipende dal pianeta che si vuole esplorare e dal modo con cui si vuole approcciare il gioco, quasi come una suddivisione in classi. Gestire le risorse limitate aggiunge un po’ di difficoltà, ma raramente ci sarà bisogno di fare grandi strategie al di fuori della divisione tra chi cura e chi spara. Da questo lato si poteva fare di meglio, soprattutto vista la natura cooperativa del gioco.

3DS_MetroidPrimeFederationForce_05
“Oh ma la disinfestazione era occupata?”

E quì casca l’asino: Metroid Prime Federation Force fa del gioco cooperativo il suo cavallo di battaglia, ma a conti fatti questo approccio non convince del tutto. Mentre The Legend of Zelda Tri-Force Heroes insegnava che l’unione fa la forza, qua è tutto più confuso. Gli enigmi spesso si risolvono da sé, senza collaborazione. La cooperazione risalta quando ci si aiuta, curandosi a vicenda o sparando con un’arma speciale, ma queste situazioni non sembrano essere il punto centrale del gioco e ben presto stancano. Il risultato è un ibrido che risulterà divisivo tra l’utenza: ad alcuni piacerà per la libertà che offre, altri lo troveranno noioso per lo scarso incentivo a collaborare.

A questo punto viene da chiedersi se questo gioco sia divertente. E la risposta è: dipende. In single player è un fps senza infamia e senza lode, da giocare principalmente (se non solo) se si è fan sfegatati dell’universo di Metroid. In multiplayer l’esperienza migliora, e vale la pena giocarci per la bontà di certe missioni. I contenuti tuttavia non invogliano molto a giocare: raccogliere le Mod è carino, ma potenziarsi senza alcuna competizione ha senso fino a un certo punto. Rimangono le mediocri verniciature da ottenere, che si commentano da sole, soprattutto se confrontate a quelle sbloccabili con gli amiibo di Samus e Samus Tuta Zero.

3DS_MetroidPrimeBlastBall_01_mediaplayer_large
“Il Blast Ball è lo sport del futuro.” Che fortuna.

Per sfogare lo spirito competitivo dovrete rivolgervi a Metroid Prime: Blast Ball, mini-gioco incluso in ogni copia e gratuito su eShop. In questo caso i controlli sono identici a quelli di Federation Force e lo scopo è quello di fare goal alla squadra avversaria con una palla gigante da calciare a suon di proiettili. Peccato che le mod ottenibili nell’avventura principale, siano inutili in questo caso. La semplicità di Blastball è un’arma a doppio taglio: da un lato è accessibile e abbastanza divertente da giocare online, dall’altro basteranno poche partite per cadere nella ripetitività. C’è un po’ di tattica in questo mini-gioco, qualcuno potrebbe divertirsi per ore, ma non aspettatevi un prodotto rifinito come Splatoon o Rocket League.

Oltre a giocare a palla, a volte i soldati salvano anche l’universo. La storia di Federation Force è servizievole al punto giusto, senza pretese, vagamente nello spirito della serie Prime. Ci sono pianeti inospitali, civiltà estinte, fabbriche enormi e cattivoni da sconfiggere per salvare la federazione intera. E poi c’è Samus Aran, che durante il gioco verrà introdotta praticamente come una leggenda e che collaborerà durante l’investigazione, sventando piani segreti senza che noi possiamo partecipare. In effetti a qualcuno darà parecchio fastidio leggere delle sue vicende, insomma vi sentirete un po’ come Crilin che gira con Goku. Simpatica l’idea di inserire piccole iscrizioni su ogni pianeta, che ricordano le tanto amate scansioni e che tentano, senza riuscirci, di dare spessore all’avventura.

federation.force.spazio
Gli screen non rendono giustizia a Federation Force

Tecnicamente il gioco è particolare: lo stile grafico super deformed con teste giganti è da bocciare e in linea di massima si sente la mancanza di un carattere forte. Tutto è abbastanza dimenticabile, tolta la buonissima resa di alcuni livelli, che ci fa vedere come sarebbe Prime su 3DS (e sarebbe figo, come se ce ne fosse mai stato dubbio NdElflum). Graficamente il discorso cambia, ci sono effetti di luce buoni e c’è il mitico raggio ricarica che deforma l’immagine; le texture hanno alti e bassi e la mole poligonale è accettabile. L’effetto 3D aggiunge molto all’immersione e tutto sommato il risultato finale è soddisfacente.

Anche la colonna sonora dal tono cinematografico è promossa. La differenza tra l’orrendo tema principale che sembra suonato da un gatto che cammina su un pianoforte, e le bellissime musiche che accompagnano l’avventura è imbarazzante e mi chiedo quale sia il motivo di tale scelta. Possiamo tranquillamente dire che il lavoro svolto è di molto superiore a quello di Other M, del quale nessuno ricorda nulla. Peccato che alcuni effetti sonori siano compressi abbastanza da risultare gracchianti, niente che faccia sanguinare le orecchie, ma pur sempre un problema.

3DS_MetroidPrimeFederationForce_01
“Sicuri che la mia testona entrerà in quel mech?”

In definitiva Metroid Prime: Federation Force è un esperimento riuscito solo in parte. Il gameplay è solido, alcune missioni sono degne del nome che portano e il mutiplayer, in linea di massima, è godibile e divertente. Tuttavia, a volte viene da chiedersi quale sia il senso del gioco cooperativo e forse dell’avventura stessa, visto l’esiguo numero di sbloccabili e la storia mediocre. Tutto dipenderà dalla squadra che formerete: col giusto gruppo di amici potreste anche divertirvi per ore. Da soli il discorso cambia e in quel caso lo consiglio solo a chi si sente davvero curioso e amante dell’universo  Prime.

0
10
7.0
Un fps nello spirito di Metroid Prime, da giocare possibilmente in compagnia. Tante piccole avventure che riescono a divertire e a immergere il giocatore, con un comparto tecnico discreto.
Non tutte le missioni sono riuscite e non sempre si è invogliati a rigiocare per raccogliere gli sbloccabili. La cooperazione ha senso solo in parte e in single player la noia è in agguato

MODUS OPERANDI

Giocato su New Nintendo 3DS per 8 ore in totale, stressando il netcode con 3 lunghe sessioni online grazie a colleghi e ovviamente a Nintendo per il codice

32 thoughts on “Metroid Prime: Federation Force – Recensione

  1. Sono nel dubbio, inizialmente lo odiavo questo titolo, però è anche vero che mi manca di giocare ad un nuovo metroid che non sia un qualche indie che ne prende ispirazione, però non amo il multy e da soli ci si annoia, ma c’è quella chibi Samus che è un amore, ma non puoi averla sempre con te, però questo è l’ultimo capitolo che è uscito e se non vende Nintendo potrebbe pensare che non vende e poi davvero la vedremo solo in Smash e nelle fan art zozze e non, sigh non so che fare

    1. Mediocre credo sia più un titolo appena sufficiente. Io leggo una recensione di un gioco ben fatto, che in multiplayer funziona meglio, su cui spendere senza problemi dei soldi. 7/10 è un buonissimo voto, non cadrei nel tranello “se non c’è 8 fa schifo” 🙂

      1. Mica ho detto che fa schifo, ma rimane comunque un gioco da 7, quindi appena sopra la sufficienza, quindi mediocre (nel senso di limitato). Un gioco in cui “la cooperazione ha senso solo in parte e in single player la noia è in agguato” è mediocre perché non riesce a divertirmi a pieno, si limita a svolgere il compitino.

        Poi oh, a giocarlo magari tutti si ricredono, compreso me, ma 40 euro per un gioco da 7 non si danno mai IMHO.

        1. La soglia di definizione tra soldi per il valore è del tutto personale, si possono spendere 60€ per un gioco sufficiente come 20€ per un gioco eccezionale, e molti titoli indie sono lì a dimostrarlo.
          Credo ci sia una differente intesa nella personale concezione della scala di valori. Per me un gioco da 6 è un gioco ben fatto, che funziona, che intrattiene senza essere ricordato per meccaniche e gameplay. Diciamo una linea piatta. Un gioco da 7 comincia ad assumere corpo, forme, avendo qualche picco, e da lì a seguire verso l’alto, con linee di emozioni più increspate e via dicendo.

          A fronte di questo percepisco che un mio 7 è ben diverso dal tuo, secondo quanto dici un tuo 7 per me equivale a un 5, circa.

          1. Buona disamina 🙂
            40 € sono tanti soldi, e non penso che in troppi siano in possibilità di “regalarli” a Nintendo per un gioco che può benissimo deludere. Un gioco da 7 è un gioco su cui riflettere bene prima di comprarlo, perché non esiste il soddisfatti o rimborsati.
            Molto dipende dal prezzo sul mercato di oggi, perché come molti giochi li posso trovare a un tozzo di pane altri (quelli Nintendo principalmente) non subiscono cali di prezzo drastici.

  2. Certamente non è un capolavoro, e questo l’abbiamo capito tutti. Però secondo me è un gran bel titolo, da giocare assolutamente in cooperativa. E’ uno spin off e come tale va giocato e vissuto, giocarlo nella speranza di ritrovarci dentro un Metroid Prime vero e proprio è esattamente come sperare di trovarlo giocando a Metroid Prime Pinball nel 2005, non ha senso. Se avete degli amici con cui giocarlo sia in locale che on line, ne consiglio assolutamente l’acquisto. Al contrario in single player il gioco non funziona bene allo stesso modo e si sente che è nato e cresciuto come titolo da giocare co-op. Io sono comunque d’accordo con questo tipo di operazione spin off, pensare che un titolo che fa parte di una saga conosciuta e rodata non possa uscire dai binari intrapresi nella saga principale secondo me alla lunga limita la creatività degli sviluppatori nei confronti della serie, cosa che per esempio inizio a vedere in Uncharted a dirla tutta dove le novità si limitano veramente a pochissimi elementi talvolta di poco conto. Certo, anche io spero che con il prossimo episodio si ritorni ad un contesto più tradizionale ed epico, alla portata di un personaggio quale è Samus e una saga quale è Metroid, ma non per questo mi sento di condannare un gioco che è un piacere da giocare.

  3. Scazza abbastanza la questione dei power up distruttibili. Era meglio se mettevano più roba, a livello sia estetico che funzionale, piuttosto che una customizzazione esigua compensata dal rischio di perdere i propri potenziamenti.

    Per me l’approccio “libertà di aiutarsi” é meglio del “necessario collaborare”. Triforce a volte era un incubo perché bastava uno che non capiva le cose e ti eri giocato la missione.
    Per dire, in MH la collaborazione consiste nel curarsi a vicenda, a patto di usare gli strumenti giusti, e per il resto tripparsi a manetta. Eppure é divertente.
    É un po il dilemma se sia più divertente un partita a squadre o fare una piramide umana, ecco. De gustibus.

  4. per me era pattume e tale si rivela. aver appena finito am2r (metroid 2 remake per chi non lo conosce) fa sentire in maniera ancora più colossale quando sto gioco non fosse necessario ne voluto da qualcuno, io faccio parte dei coglioni che hanno firmato la petizione per abolirlo, E NON MI PENTO. con metà dello sforzo potevano fare loro un remake di metroid 2 o altro con grafica aggiornata e far tutti contenti, ma no buttiamo prodotti a caso su 3ds, questo gioco poteva essere bello, se fatto su wiiu con grafica realistica e toni dark, sta “bambocciata” per attirare nuovi fan e uguale a metal gear coi cavolo di zombie. un aborto. non capisco perchè violentare a tal punto i propri brandi si tratti di konami o nintendo con questo, ma anche triforce heros, non siamo a questi livelli ma davvero lo digerisco poco
    spero che su nx questo sarà solo un brutto ricordo con un “vero” gioco che sia 2d, 2,5 d oppure 3d non mi interessa, ma voglio qualcosa di nuovo, voglio sapere i fatti dopo fusion..
    chiudo dicendo che se questo e da 7 metroid M era da 11/10. a me scherzi a parte era piaciuto molto, era sicuramente meno metroid di molti altri ma non era brutto come in molti pensano, sopratutto con l’arrivo di questo.

    1. Spero che tu ricorda che questo sia uno spin off,molto incentrato sul multiplayer,la pugnalata sta nel fatto che stiamo aspettando da molti anni un vero e proprio capitolo di Metroid. Quindi non incolpiamo questo gioco (che sembra anche essere divertente) ma a Nintendo che non si è neanche preoccupata di festeggiare il trentesimo anniversario di Metroid

    2. Non credo che tu conosca i budget di sviluppo. Arrogarti il diritto di conoscere il gusto altrui è presuntuoso, chi ti dice che avrebbero fatto tutti contenti?
      Chi ti dice che su Wii U sarebbe stato meglio solo per una componente meramente visiva? I difetti e i pregi rimangono tali e quali.
      Il brand non viene violentato, viene espanso, e c’è bisogno di coraggio per sperimentare. La fatica, l’ingegno e il carattere di chi ha sviluppato questo gioco non può essere ignorato e denigrato per colpa di una fanbase che si lagna per ogni cosa se non quella che vorrebbe, ma che non è detto che sarà splendida. Il vittimismo della fanbase di Metroid è a livelli spropositati, per quanto ho visto si vive per un gioco “sogno” che ha tutto e niente dentro. “Un Metroid come prime ma più bello, con la grafica nuova, più grosso, o anche in 2D, bho basta sia un Metroid”, questo è il pensiero comune, detto da persone che si rifanno al solo passato di Metroid, invece di guardare a possibili futuri.
      Perché il futuro di Metroid non sta solo nel tornare a fare Super Metroid ogni volta, sta nell’osare quanto aveva osato Prime, che era totalmente diverso, sta nel provare a fare qualcosa di nuovo in quell’universo.
      Ben venga uno spinoff che osa, sperimentando, senza per questo arrogarsi il diritto di definirsi capitolo principale.

      Il remake di Metroid 2 è prendere il lavoro di altri, ritoccarlo e sputarlo a una fanbase che preferisci rigiocare qualcosa di vecchio, che poteva comunque rigiocare anche se meno “figo”, piuttosto che dare fiducia a chi ha provato qualcos’altro, senza mancare di rispetto a nessuno.

      Perché questo gioco è stato stigmatizzato prima ancora di vederlo, prima di giocarlo, tanta è la presunzione della fanbase. Se fosse stato annunciato un “vero Metroid” assieme a questo, tutto questo odio, tutto questo scazzo non ci sarebbe stato, perché la fanbase è volubile, e se Nintendo non ha puntato su Metroid è perché è un franchise in continuo calo, sin da Prime, dunque è la stessa fanbase che non sa quel che vuole.

      Non vedo l’ora di vedere cosa succederà quando Nintendo farà quello che la fanbase vuole, per poi vendere pochissime copie, con una fanbase che ancora dice “ehhh ma non è come ”

      C’è un solo strumento che conta per consumatori e aziende, a fronte di etica e impegno da parte dei team di sviluppo: la vendita. Non comprare uccide i franchise, e Metroid è sanguinante da ben prima di questo Federation Force, non capirlo è stata la più grossa debolezza della fanbase. Metroid non si impone, e l’unico modo che ha Nintendo per provare a rilanciarlo, per le proprie casse e i fan, è provare strade nuove.

      1. Vorrei tanto che Metroid avesse successo, vorrei tanto supportare la saga. Ma purtroppo questo gioco ha diverse caratteristiche che a me non piacciono, prima di tutto che è stato pensato solo per l’online, io non amo giocare online e giocandoci da soli si rischia d’annoiarsi subito perché appunto, non è stato pensato per il singolo giocatore. Se ci fosse stato un alternativa l’avrei presa al volo, ho comprato al volo Zero Mission e Fusion su Wii U nonostante li abbia già giocati in altro modo e su cartuccia, appunto per amore e supporto per la saga. Quindi Skull, io adoro Metroid, ma purtroppo questo gioco ha delle cose che cozzano con i miei gusti. Questo non vuol dire che apprezzo il lavoro dei next leve games, ma vorrei un’alternativa, ma non c’è.

      2. No scusami. Non mi va di risponderti con un papello. Mi limito solo a dire che questo gioco, stupra la saga Metroid Prime. Non per la grafica, ne’ per i contenuti, ma per aver usato un titolo che con la serie prime non ha nulla! Poi un esperimento come questo ben venga. Ma poiche’ e’ un gioco da 7, 6, 5 (a me non interessa il voto) credi che vendera’ e risollevera’ il brand Metroid?
        Parli della fanbase che pretende: e chi dovrebbe comprare i giochi di Nintendo? I sonari? E Nintendo non ascolta le 3d party, ed i risultati li conosciamo. E se non ascolta manco la fanbase storica, come sta facendo da tempo(molte sono le critiche sull’online,sulla Vc,sull’account unico), a chi deve far contenti? Le famiglie ed i bambini con pokemon e animal crossing per tutta la vita ???
        NINTENDO DEVE SPERIMENTARE CERTO,MA DEVE AL CONTEMPO RITORNARE A FARE PIETRE MILIARI,ANCHE CON METROID. SE NON POSSIAMO PIU’ PRETENDERLO DA LORO, DIREI DI CAMBIARE HOBBY O CONSOLE (A ME PER PRIMO). VEDREMO CON NX…

        1. Beh direi innanzitutto di moderare i toni. Non hai offeso ma il caps lock non è mai bello da guardare. Non vale per te, vale per tutti e penso che siamo abbastanza permissivi sui commenti, intervenendo solo quando davvero si esagera.

          Detto questo, non capisco perché questa incredibile ostinazione verso un prodotto che non ti piace: basta ignorarlo.

          Parti dal presupposto che Nintendo, se non avesse finanziato Federation Force avrebbe fatto un altro Metroid, quando la realtà dei fatti è che questo Metroid è un banco di prova proprio per vedere se un nuovo capitolo potrebbe fare numeri degni del nome che porta.

          Allo stato attuale Nintendo non crede in Metroid, o meglio, non crede che sia una mossa intelligente finanziare un capitolo main di Metroid, che richiede un’investimento ben superiore a quello concesso a Next level per realizzare questo spin-off. Non è il solo caso: non crede nemmeno in F-Zero ad esempio. E non crede nemmeno in Star Fox, sebbene questa saga sia stata supportata con più veemenza, ma più per la casualità di avere la persona giusta al posto giusto che decide che per effettive aspettative di vendita (e anche in questo caso: il budget di Staf Fox Zero è stato totalmente inadeguato, tanto da aver subito un rinvio, ma è storia recente e lo sappiamo).

          In realtà Nintendo ascolta benissimo e sa cosa vuole la fanbase, ma non per questo può o vuole accontentare tutti. Esempi? La fanbase ha particolarmente gradito i livelli con Capitan Toad di Super Mario 3D Worlds e hanno deciso uno spin-off. La fanbase ha apprezzato Splatoon e questo continua ad essere supportato con tornei ufficiali (annuncio GDC di ieri) e nuovi amiibo.

          Le critiche sull’online che citi sono assolutamente difficili da contestare, ma è anche vero che hanno cambiato tanto rispetto alla visione iniziale (codici amico per singolo gioco –> per singola console –> Nintendo ID che rende automatica l’immissione di codici amico). Gli avversari possono contare su un online migliore? Senza dubbio. Ma quello di Nintendo è l’unico a non essere a pagamento e il miiverse è ottimo. Insomma Nintendo segue la sua strada sempre e comunque, nel bene e nel male. E questo succede anche sulle decisioni relative a cosa sviluppare e a quanto budget destinargli.

          Purtroppo Metroid non è un franchise molto duttile e si adatta poco a situazioni diverse dal concept iniziale, tutto solitudine e backtracking. Però bisogna provarci. E non è che debba piacerti per forza, intendiamoci. Solo non capisco tutto questo fervore perché se guardi ai brand Nintendo con occhi lucidi, e non da fan, è quasi un miracolo che Nintendo non solo non abbia abbandonato brand non più redditizi (come fanno tante software house) ma che riesca anche a vederci ancora del buono e a provarci. Poi sei libero di pensare che meglio niente che vedere una saga amata ridotta così, ma ti assicuro che c’è gente a cui piacerà questo capitolo e magari anche tanto. Tu puoi ignorarlo e passare avanti, mentre loro possono godersi un gioco che apprezzano, cose che con l’oltranzismo e la tolleranza zero verso certi progetti non sarebbe stato possibile.

          1. Dunque chiariamo che il capslock l’ho usato arbitrariamente per evidenziare quel concetto, non per offendere qualcuno. Io non contesto il gioco che puo’ piacere o meno ( a me no). Ma ben vengano sperimentazioni. Contestavo il nome sul gioco (Questo non e’ un Prime). A dirla tutta a me manco interessa la qualita’ dell’online et similia. Dicevo solo che non e’ vero che Nintendo ascolta. E se ascolta, lo fa a convenienza (Infatti i Tripla A su wiiU saranno 2-3?) Ma al contempo ribadivo che se la fanbase non puo’ esigere da N, visti i capolavori che ha sfornato nella sua storia, che poi non si lamenti se ogni hw che produce, lato home, vede una fanbase sempre piu’ ridotta (ad eccezione di wii, ovvio).

            Mi sta bene sperimentare, ma da fan 41enne mi aspetto tripla A in quantita’ come e’ stato su WiiU di fianco a sperimentazioni. Non usare sperimentazioni col richiamo ad una serie Tripla A che sostituiscono I TRIPLA A, per l’appunto. O poi fermo restando che NX dovrebbe essere una portatile, se e’ vero occorre vedere come si muovera’ N sulla politica dei Big Games…

          2. Gli AAA. E’ chiaro che se NX e’ solo portatile, la tipologia di giochi AAA con cui siamo stati abituati (Mario Galaxy,Sunshine,la serie Prime,)potrebbe essere ridimensionata. Specie se giochi x console mobile possono garantire guadagni immediati con bassi investimenti, se si eccettua Zelda Bow che e’ un caso a se’, visto che nasce su WiiU. Insomma vediamo cosa e’ NX e poi giudicheremo…

      3. momento momento momento. arrogarsi il DIRITTO di esprimere una propria idea è alla base di internet e delle petizioni utili o inutili che siano perche allora tutti a non firmare petizioni per ingiustizie ben più gravi nel mondo, nessuno più a dare opinioni perche ci si arroga il diritto, ma non voglio soffermarmi su questo anzi skull scusa se ne ho parlato parliamo di altro, del fulcro
        no non ho idea del buget, ma visto certi indie o lavori amatoriali questo vuole dire tutto e niente, poi oh magari unepic e shovel avevano il triplo di soldi io questo non lo so, so però che sono giochi più metroid quelli di QUESTO.
        ma parliamo degli altri dati che tu citi, i giochi di metroid sono usciti su diverse piattaforme in diversi anni, io non sto a cercare i numeri di niente e parlo per idee mie sia chiaro, non sappiamo se chi aveva un super nintendo sia poi passato a gamecube o gba, ricordando che il gamecube come wiiu vendette davvero poco, e non e detto che con xbox360 e ps3 la persona in questione si sia comprata un wii, sopratutto se i controlli non lo convincevano, ricordiamo anche che la saga prime è uscita su 2 diverse console prima poi in una collezione unica neanche troppo trovabile a suo tempo, teniamo presente il fatto che il wii era la più venduta questo si, ma la magior parte del pubblico era casual e non comprava giochi di questo tipo oppure aveva addirittura il solo wiisport già questo toglie una grossissima fetta indipendentemente dal pubblico disponibile, quindi io mi domando quanto grave sia stato il calo, parliamo ora di M, già questo era uno sperimentare, con un team esterno per giunta, che ha creato un metroid anch’esso spin off in gran parte, cercava di introdurre il classico 2d con uno quasi 3d e la prima persona oltre all’utilizzo di pochissimi tasti(i soli del wiimote), e fece floop non per me, a me piaceva, ma lo vidi dopo pochissimo nei cestoni a 9€, da li fine di vedere metroid, ora per risollevare il brand cosa fanno? ancora uno spin off, senza samus, senza buget, senza main console, senza esplorazione, con solo missioni, super deformed e cooperativa, e non mi devo imbestialire come una faina? questo è prendere per il culo i fan. e non è questione di fanbase e questione di coprire i buchi sviluppando cose a caso, perche con la giusta impostazione sarei il primo a volerlo, anche io voglio sapere dei pirati spaziali e federazione, ma no, non così. e se su 3ds l’unico zelda fosse stato triforce heroes mi sarei ugualmente imbestialito, ma grazie a dio c’è quel capolavoro di a link between world, perchè si si può innovare ma non eliminando il gioco stesso, altrimenti lo chiamavi spara a caso spazio xxx.
        parte su metroid 2 remake, allora perche nintendo stessa ha rebootato l’inizio di metroid con zero mission? potevamo giocarci il primo 8 bit e via, ma poi c’erano nuovi boss nuove armi nuova grafica e nuove aree e allora giustamente tutti lo volevamo, io almeno l’ho amato, il principio per un remake del 2 o per quello amatoriale è stato lo stesso, e si preferisco giocare un gioco vecchio rifatto che uno nuovo che non funziona, vale per tutti i giochi non solo metroid, prendi castlevania, preferisco giocare mille volte i 3 su gba che non i capitoli su ps3/x360 in 3d, perche non è cosi che doveva essere, infatti dopo il chiasso del primo il secondo lo hanno comprato in 3 e tutti ad aspettare il nuovo di iga da solo. poteri andare avanti ancora ma credo si sia capito cosa intendo

        1. Il problema è che la “fanbase” oggi, in pratica, non esiste…o se esiste è un ectoplasma di gente incazzata/astiosa di cui non abbiamo nemmeno certezza che alla fine i giochi li compri per davvero…o li giochi
          Oggi il successo/insuccesso commerciale di un titolo è dato in larghissima parte dai primi trailer mostrati….stop.
          E l’esempio di StarFox è indicativo, così come è accaduto anche per Zelda TriForce o questo Metroid…basta, la “fanbase” ha deciso che è una cacca dopo 2 minuti di video e allora cacca deve essere, pace se sia una pre-alpha o si sia visto 1/10 del gameplay, ormai “gli esperti” hanno deciso che fa schifo, gli stessi esperti che poi non si capisce cosa pretendano visto che appunto c’è chi vuole il gioco in 3D, c’è chi vuole in gioco in 2D “in memoria di quando eravamo piccoli con i peli del culo a batuffoli”, c’è chi vuole l’online, c’è chi vuole “l’open uoooorld” e c’è chi insulta e scrive minchiate senza mai comprare giochi e guardandosi solo migliaia di ore di gameplay su Twitch.
          Questo è il videogiocatore-cliente medio moderno, spesso fomentato dai portali online sempre a caccia di polemiche pur di aumentare la loro visibilità (e quindi i click), chiede tutto e il contrario di tutto e soprattutto giudica sulla base del niente.
          Alla luce di ciò Nintendo cosa dovrebbe fare secondo te? Per ogni sua IP dovrebbe rilasciare ad anni alterni un capitolo 3D e un capitolo 2D così tutti contenti e arrivederci?
          A te piace Metroid e Castlevania in 2D…anche a me e vale lo stesso per Mario e vorrei pure Final Fantasy con vista dall’alto e i turni, ma se evidentemente i giochi sono cambiati negli anni il motivo c’è e forse sta proprio nel fatto che ad ascoltare solo la minoranza non vai avanti, porti solo i libri in tribunale

          E last but not least: a nessuno viene in mente che se non esce nulla di una determinata IP…forse è perché mancano le idee alla base? Nessuno ci pensa mai a questo fatto?
          No perché io capisco che siamo abituati ad avere il nostro FIFA in Autunno tutti gli anni e i nostri 20 FPS annuali TUTTI UGUALI anno dopo anno, ma nessuno pensa che magari certe serie (soprattutto dopo 30 anni che sono sul mercato) iniziano un po’ ad essere in crisi di idee?
          Vale per Metroid ma vale anche per F-Zero, per StarFox e perché no…magari anche per Zelda no? E quando si cambia drasticamente (Final Fantasy o Castlevania) non tutti sono contenti, anzi dopo si vedono le alzate di scudi in favore del “quando c’erano gli 8bit si stava meglio”

          Per come la vedo io o ci sono idee (Pac-Mac Championship Ed. DX ad es. ha rinvigorito un mito che era stato relegato ai soli emulatori) oppure anche le serie storiche possono essere tralasciate o “buttate” in spin-off come in questo caso, ostinarsi a fare delle schifezze vuote e senza idea, come fanno il 99% degli sviluppatori Occidentali, non ha senso.

          1. Sono loro che hanno diviso la saga tra prima e terza persona non sono io, è ovvio poi che ci sia chi vuole uno è chi l’altro, ma anche il buon Mario ha ambedue, non dico che si debba fare con tutte le ip Nintendo, ma sono molte ad alternare vecchio e nuovo, e credo visto che ad oggi Nintendo ha 2 console la cosa più sensata sia fare i 3D su quella più performante e con i migliori controlli, poi se tu ti trovi comodo su 3ds buon per te(con i fps) io no.
            E l’idea qui già c’era, ma non ci hanno voluto investire ne sprecarsi a capire come chiamarlo, perché il nome è importante sopratutto se hai una fanbase bistrattata da anni, perché l’ultimo gioco è uscito da un bel pò.
            Crisi di idee? Forse, ma le puoi cercare, farti aiutare, ma forse il problema serio non sono le idee, ma far decidere l’utente medio, quando saghe come queste sono nate c’erano i pionieri come mio padre, e io poco dopo, e quando son 30 anni ormai che campi con i miei di soldi forse dovresti sentire più noi che i giocatori di Giugliano passione.. ad ogni modo questo gioco è così, io non lo volevo, sopratutto in questo modo, ha il mio astio e nessuno mi farà cambiare idea, che mi si dica che ho idee vecchie, che sono un piagnone, oppure un metroidnazi non mi interessa, ci sono spinoff e spinoff e questo non rientra nei belli (metal Gear rising, forza Horizon, parodius), ma nelle brutte robe.
            Scusa se non ho risposto a tutti i punti
            PS spero non esista davvero qualcuno che vuole metroid stile the witcher per che non ha capito una tegola dalla vita.

          2. Anzitutto direi che è ora di finirla coi riferimenti a Giulia passione visto che sia 3DS sia WiiU hanno spazzato via quel brutto trend e direi che è stata la cosa migliore di questo ciclo di console Nintendo.
            Anche io sono cliente Nintendo da quasi 30 anni ma sfortunatamente noi zoccolo duro storico siamo sempre meno nel panorama Nintendo e ciò lo prova che da N64 a WiiU le console fisse Nintendo hanno perso sistematicamente 10 milioni di clienti ad ogni generazione, il cliente medio Nintendo è invecchiato e quindi ha sempre meno tempo per giocare o nemmeno è più interessato a giocare per cui perché Nintendo dovrebbe ostinarsi a correre dietro a quei 10 milioni di utenti storici che magari dopodomani si ritrovano con in casa due neonati e non comprano più nulla?
            Sappiamo quali sono i “trend” oggi per vendere e per fare parlare di sé, sappiamo bene come si è sputtanato il gaming sull’altare della tecnica e alla costante ricerca del mezzo voto in più nelle recensioni, io mi ritengo fortunato che tutto sommato la risposta al “multiplayer cooperativo” di Nintendo sono questi spin-off mal riusciti piuttosto che prendere una loro IP storica, svuotarla, degradarla e buttarla in pasto a server che chiudono dopo un paio di anni e tanti saluti e arrivederci.

            Che questo spin-off fosse evitabile forse è vero, ma dovremmo anche aprire un po’ la mente (e gli occhi) e non trattare delle IP (quali Metroid, Metal Gear o altre) come fossero delle creature viventi e non è che se esce uno spin-off è come tirargli una coltellata in pieno petto

  5. Comunque, a tutti che hanno dei dubbi, voglio dirvi una cosa che vi può rassicurare, è spoiler, quindi se non volete sciuparvi la sorpresa non leggete.

    Nella scena dopo i crediti, c’è un filmato che stuzzica un’introduzione per Metroid Prime 4.

  6. Gli darò sicuramente un’occhiata. La shitstorm scoppiata su questo gioco è allucinante, al punto da farmi chiedere quanti giocatori effettivamente conoscano il significato di “spin-off”. Ok che vogliamo il capitolo principale, ci mancherebbe. Tutti lo vogliamo. Io lo voglio. Ma distruggere un gioco e decidere che fa schifo solamente all’annuncio è sbagliato, sempre e comunque. Non sarà un vero Metroid e non ha nemmeno la pretesa di esserlo, ma ciò non toglie che possa essere comunque un buon gioco.

  7. tra tri force heroes, happy home designer e federation force è chiaro che la console sta andando in pensione, sono i classici giochi da fine console, riempitivi che cercano di far capire che l’azienda ci sta ancora lavorando ma non è così, per quanto possa essere divertente non so quanto possa convenire spendere 40 euro per questo, tanto vale comprare o kirby o un fire emblem che già possono giustificare quel prezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *