BPM: Bullets Per Minute – Recensione a tempo di musica

Recensione lampo di un gioco roguelike dritto al punto ma troppo sporco per Switch.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Rythms-based Roguelike FPS
Multiplayer: No
Lingua/e: Inglese

BPM: Bullets per Minute è uno sparattutto procedurale roguelike a tempo di musica.

Il gioco è tutto gameplay, fin da subito vi lancia nell’azione alla quale bisogna abituarsi. I livelli sono generati proceduralmente ed andranno affrontati tutti d’un fiato, visto che la morte resetterà la vostra progressione.

Smarmellatissimo

Lo sparare, saltare, schivare e ricaricare deve essere fatto tutto a tempo di musica, andando sui toni o semitoni, con le azioni fuori tempo completamente inibite ed ogni arma ed abilità si incastrano a modo loro nel ritmo della musica. Il gioco è difficile, impegnativo e richiede una buona dose di riflessi che questo vecchiardo oramai non ha più. Quando il tutto clicca è frenetico, divertente, e la natura roguelike lo rende perfetto per brevi sessioni. E la colonna sonora esalta.

Il problema che ho incontrato però non è stata la curva di apprendimento un po’ alta all’inizio, ma la leggibilità generale del gioco sulla console Nintendo. La palette cromatica del gioco viene devastata dalla bassa risoluzione e qualità dell’immagine, tanto da rendere difficile leggere la posizione dei nemici e capire bene cosa si sta facendo in determinati frangenti.

Ed è un peccato perché il gioco sotto è genuinamente divertente, ma in questo stato farei fatica a consigliarlo per Nintendo Switch.

Ho provato a farmi strada nei regni norreni con sottofondo metal per diverse ore prima di gettare la spugna
Pro: Ottime performance ed un gameplay galvanizzante
Contro: ho perso un paio di diottrie
6

Potrebbero interessarti

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

Recensioni

Papetura – Una recensione che si incarta

Papetura non è solo un videogioco, è un’esperienza audiovisiva costata 6 anni di sviluppo a un unico sviluppatore: Tomasz Ostafin (Petums)

No more posts to show