Mushroom Wars 2 – Recensione

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Strategia in tempo reale
Lingua/e: Giapponese, Inglese, Spagnolo, Francese, Tedesco, Italiano, Portoghese, Russo, Coreano, Cinese

Entriamo nella più sporca delle guerre tra funghi.

I giochi di strategia sono una delle poche parti mancanti nella libreria di Nintendo Switch. Siano essi in salsa RTS classici, siano essi dei più rapidi ed abbordabili Tower defense, molto spesso richiedono diverse ore per imparare al meglio le meccaniche e per esercitarle nel massimo delle possibilità offerte.

Mushroom Wars 2 è un titolo strategico sviluppato dai ragazzi di Zillion Whales che unisce il concetto di RTS a quello dei Tower Defense. Può sembrare strano, e voi vi starete chiedendo il perché di questo accostamento quasi banale. Ma arriverò presto a spiegarvi cosa intendo con queste mie parole.

Funghetti all’attacco!

Anzitutto, Mushroom Wars 2 proviene dal mondo mobile, e lo si sente fino in fondo. Non tanto per il dettaglio grafico, ben curato e carino da vedere, quanto proprio per come è strutturato il gioco. Avviando il titolo, infatti, ci troveremo di fronte a diverse scelte di gameplay.

Anzitutto potremo giocare la campagna in singolo, composta da una quantità spropositata di livelli (ben 189 livelli per la prima campagna e 200 per la seconda). Seguono due modalità multiplayer online, classificate e battaglie online contro giocatori del proprio livello. Infine potremo creare partite personalizzate fino a 4 giocatori oppure dei 2 VS 2. Insomma, non manca di certo la maniera per divertirsi.

La mappa da cui sceglieremo tra le centinaia di livelli disponibili

Volendo inoltrarci nelle sezioni di gameplay, la mappa è composta sostanzialmente da diverse cittadine e torri che costellano la mappa di gioco. Nelle cittadine verranno generati ogni turno diversi funghetti, che utilizzeremo come soldati durante le nostre partite. In base a quanti funghetti avremo all’interno delle cittadine potremo accedere a diversi power-up, per potenziare la velocità di “costruzione” di nuove armate oppure per migliorare la cittadina, sino a trasformarla in una torre oppure in una fucina, utile per aumentare il coefficiente di attacco dei soldati.

Le torri non produrranno funghetti, ma avranno la funzione di difendere le proprie cittadine, danneggiando i funghetti avversari. I funghetti creati all’interno delle cittadine potranno essere poi spediti alla conquista delle cittadine e torri avversarie, meccanica alla base di tutto il gioco. Per conquistare le cittadine avversarie dovremo spedire più funghetti di quelli che risiedono nelle cittadine stesse. Superando quindi il numero avversario, conquisteremo le loro postazioni e potremo vincere la partita.

Gli eroi hanno un design davvero splendido!

Un piccolo appunto sui comandi: ogni tasto ha le sue specifiche funzioni, come i tasti A B X Y, uniti ai tasti L per i potenziamenti ed R per spostare le truppe in diverse percentuali. Il sistema di controllo è praticamente sempre reattivo e non si nota mai lag nella ricezione dei comandi.

Ed ecco perché prima parlavo di unione tra un RTS classico ed un Tower defense. Malgrado il nostro controllo sull’esercito di funghetti, potremo solo decidere il punto di partenza ed il punto di arrivo dell’esercito, senza potergli far cambiare strada in qualsiasi momento e senza averne, dunque, un controllo diretto. Entrambi gli elementi, quindi, sono fusi assieme, ma dove per un giocatore che cerca una partita mordi e fuggi il titolo si potrebbe rivelare perfetto, per un appassionato di giochi di strategia anche solo vagamente più complessi tutto ciò risulterà ben presto noioso e frustrante.

Malgrado l’enorme mole di livelli da affrontare, ogni livello differirà dall’altro unicamente per la disposizione delle torri e delle cittadine. Va da sé che quindi questo gioco si presta molto a sessioni mordi e fuggi e ad azioni poco ragionate, ma basate molto più sulla velocità di creazione dei funghetti. A condire un pò il tutto ci si mettono gli eroi, in particolar modo 12 funghetti speciali e potenti, che grazie alle loro abilità potranno cambiare drasticamente il corso della partita.

Mushroom Wars 2 non richiede, a differenza della versione PC, di esser costantemente collegato ad internet per poter giocare la modalità offline, un dettaglio che fortunatamente non va ad inficiare su un titolo non troppo complesso ne eccezionale. Tutto ciò non significa però che il gioco non sia godibile ma anzi, la portatilità di Nintendo Switch riesce a dare quella spinta in più a Mushroom Wars 2 che forse su una piattaforma fissa come il PC renderebbe di meno.

Giocato grazie ad un codice gentilmente fornitoci dagli sviluppatori
Pro: Perfetto per sessioni mordi e fuggi, longevità senza dubbio estrema
Contro: Ripetitività che sopraggiunge in fretta, è uno strategico dove conta più la velocità della strategia
7.0

Potrebbero interessarti

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

No more posts to show