Unbox: Newbie’s Adventure – Recensione

Mettiamoci nei panni di un pacco da consegna e salviamo il GPS attraverso mondi sconfinati in Unbox: Newbie's Adventure per Nintendo Switch.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Avventura, Platform
Multiplayer: Locale
Lingua/e: Inglese, Tedesco, Francese, Spagnolo

Pacco, doppiopacco e contropaccotto

Cosa succederebbe se da un gioco di Mario togliessimo i salti? Un disastro. E se Sonic smettesse di correre? Non sarebbe Sonic, semplicemente. E se da un gioco che fa della fisica il suo cavallo di battaglia, eliminassimo quest’ultima? Probabilmente otterremmo Unbox: Newbie’s Adventure. Dopo questa premessa disastrosa, cosa che alla fin fine il gioco sviluppato da Prospect Games non è del tutto, entriamo nelle Paradise Isles e vediamo se ci troviamo di fronte ad un pacco oppure no (la battuta era doverosa, scusatemi).

In Unbox: Newbie’s Adventure saremo letteralmente un pacco, uno di quelli che siamo tanto felici di ricevere dai corrieri, che dovrà salvare il destino della GPS (Global Postal Service) caduta nelle grinfie dei Wild Cards, dei malavitosi pacchi capitanati da Boss Wild che cercheranno in tutti i modi di metterci i bastoni tra le ruote. La GPS è infatti in crisi e sarà compito del nuovo arrivato Newbie (ma potete rinominarlo come vorrete) far sì che tutto torni alla normalità, con consegne al destinatario che arrivino in orario ma soprattutto sane e salve. Se fino ad ora avete pensato ad una sorta di gioco “gestionale”, vi sbagliate di grosso: ci troviamo di fronte ad un platform sandbox, in cui la libertà di esplorazione è davvero enorme, rovinata però da un gameplay poco preciso e inopportuno per un gioco del genere.

Esplosioni, missili, collezionabili dorati in cima a edifici e cubi inespressivi, il riassunto perfetto.

Tralasciando infatti qualcosa che è effettivamente inevitabile, ovvero la forma cubica del pacco che quindi rende i movimenti abbastanza imprevedibili, l’imprecisione dei comandi uniti ai numerosi glitch grafici e ad una fisica ballerina rendono lo spostamento davvero difficoltoso: se questo è sopportabile quando ci troviamo in ambienti molto ampi, l’impresa avviene quando dobbiamo effettuare salti millimetrici tra piattaforme sospese nel vuoto o sull’acqua, nostra grande nemica che dopo un primo piccolo rimbalzo, metterà fine alla nostra breve vita da pacco facendoci ripartire dall’ultimo checkpoint. Fortunatamente per aggiustare dei movimenti poco precisi che potrebbero alla lunga risultare frustranti, ci pensano gli “unboxing”, una sorta di doppio salto che effettueremo grazie all’espulsione del pacco dal suo rivestimento, cosa possibile fino a sei volte consecutive se avremo abbastanza involucri, che otterremo raccogliendo i numerosi item disseminati per le varie isole.

Oltre a questi, troveremo anche alcune medaglie d’oro a puro scopo collezionistico e dei francobolli, essenziali per proseguire nella nostra avventura; questi sono ottenibili anche e soprattutto completando le numerose missioni da portare a termine mentre vagheremo per una delle cinque isole che compongono il mondo di Unbox: Newie’s Adventure; faremo la conoscenza di decine di pacchi come noi, alcuni dei quali diranno frasi senza senso, altri invece ci chiederanno diversi favori che, oltre a renderci degli scalatori di torri e montagne innevate, dei piloti di mezzi di soccorso e pistoleri provetti, metteranno in mostra tutti i limiti del gioco.

Il cattivo meno cattivo che ci sia, ma quant’è antipatico!

È durante queste missioni infatti che verremo chiamati a effettuare salti precisi, a spostarci in cunicoli o ancora a raggiungere determinati obiettivi entro un tempo limite e i problemi di fisica e di gameplay in generale non facilitano di certo le cose. Il divertimento e la spensieratezza del vagare senza meta nelle enormi isole è molto apprezzabile, ma per proseguire l’avventura bisognerà necessariamente affrontare le missioni e queste, nonostante siano abbastanza variegate e permettano di esplorare zone nascoste delle isole, mettono in risalto tutti i difetti del gioco. Tra questi troviamo anche un comparto grafico allegro ma mediocre: la scelta di puntare su una grafica “realistica” penalizza di molto Unbox: Newie’s Adventure, con modelli poligonali troppo scarni e isole che, seppur ben realizzate, soffrono di compenetrazioni, pop-up, rallentamenti, ritardi nel caricamento delle texture e un level design che richiede più precisione di quanto il gameplay ne permetta; sullo stesso livello il comparto sonoro, con effetti semplici e una colonna sonora ripetitiva che alla lunga dà più fastidio che altro.

Il titolo in ogni caso si lascia ben giocare se si riesce a chiudere un occhio sui problemi sopra citati: i collezionabili e l’enorme personalizzazione del nostro Newbie danno un tocco di longevità in più, ma difficilmente avrete la voglia di girovagare per le isole se non per trovare i pacchi che vi assegneranno le missioni per la raccolta di francobolli. Risolleva di molto la situazione il comparto multiplayer che, nonostante soffra di tutti i problemi del single player, abbina un divertimento smisurato con i propri amici in preda ai nostri attacchi e ai bug del gioco che, almeno in questo caso, possono risultarci utili.

Mi dissero che potevo diventare qualsiasi cosa, così sono diventato uno struzzo.

Il giudizio finale di Unbox: Newsie’s Adventure sente il peso di alcune scelte effettuate dagli sviluppatori: una grafica in cel shading avrebbe sicuramente reso maggiormente, così come un maggior controllo del nostro alter ego cubico. L’aspetto così giocattoloso potrebbe attirare molto una fascia d’utenza più giovane, che si troverebbe però in enorme difficoltà con le imprecisioni a cui mette incontro il gameplay e che tocca vette elevatissime quando si tratta di correre contro il tempo con estrema precisione tra salti, abbattimento di nemici e raccolta di item posti in luoghi impensabili. Se il corriere lo permette, chiedete il reso, la GPS ne sarà sicuramente felice.

Ho completato l’avventura principale in circa 7 ore, perdendo molto tempo alla ricerca dei francobolli disseminati nella mappa e necessari per proseguire.
Pro: Simpatico e spensierato; l’idea di base è molto originale.
Contro: Gameplay impreciso e graficamente scarno, molti bug e glitch che aumentano sensibilmente la difficoltà.
5.8

Potrebbero interessarti

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

No more posts to show