Anteprime

Super Mario Run – Anteprima

Game

La scorsa settimana la vostra redazione preferita è stata invitata da Nintendo all’evento di presentazione italiana del primo mobile game dedicato a Mario. L’arrivo del baffuto idraulico italiano su smartphone ha dell’epocale, com’è stato ampiamente […]

La scorsa settimana la vostra redazione preferita è stata invitata da Nintendo all’evento di presentazione italiana del primo mobile game dedicato a Mario. L’arrivo del baffuto idraulico italiano su smartphone ha dell’epocale, com’è stato ampiamente […]

Mobile
Dicembre 8, 2016

La scorsa settimana la vostra redazione preferita è stata invitata da Nintendo all’evento di presentazione italiana del primo mobile game dedicato a Mario. L’arrivo del baffuto idraulico italiano su smartphone ha dell’epocale, com’è stato ampiamente espresso dalla stampa nei mesi passati: il brand principale della Grande N diviene sempre più accessibile, sempre più esteso, sempre più casual (nel senso di casual gamer, ma non solo).
Per molti puristi del platform in salopette rossa e blu, l’annuncio di Super Mario Run ha avuto toni eretici: con quale blasfema incoscienza, quale follia del game design, si potrebbe mai snaturare il Re dei videogiochi? Iniziamo allora questa anteprima rassicurando tutti: Super Mario Run promette benissimo. E la carne sul fuoco è davvero abbondante.
super mario run anteprima
Parliamo per un attimo delle intenzioni, degli obbiettivi dietro questo nuovo esordio. Nintendo ha ben cosciente il potenziale mostruoso del suo insediamento nei telefoni cellulari. I record nei dati di vendita raggiunti dal lancio dei nuovi giochi di Pokèmon Sole e Luna, costituisce un ulteriore elemento per dimostrare come le app aiutino i medesimi brand sulle console vere e proprie.
Di grande importanza anche il fattore del “reclutamento” ossia, tramite uno strumento di utilizzo quotidiano e di massa come il telefonino, far aumentare enormemente le possibilità di trasformare, in misura anche minima, i non gamer o casual gamer in giocatori più interessati. La Grande N punta inoltre, proprio per mezzo delle proprie icone, pop e consolidate nella cultura sociale, a recuperare quei vecchi consumatori che per i motivi più normali e disparati si sono allontanati dal gaming classico.
Senza dimenticare i motivi d’orgoglio aziendale: il mobile gaming è più concretamente touch gaming, un modo ludico reso planetario proprio da Nintendo (tanto per cambiare) col primo modello della famiglia Nintendo DS; infine, l’avvicinamento di Nintendo al mezzo telefonico risponde ad una delle ultime volontà dell’amatissimo Presidentissimo Iwata. Insomma, le premesse sono più che importanti, sono pesanti. Concentriamoci quindi su ciò che conta infine, pensiamo al giocare.
Super Mario Run anteprima
Quel che è accaduto in quel del Giappone è che alcuni talentuosi sviluppatori si siano messi in testa un’idea chiara, semplice, pericolosissima: creare un Mario da giocare con una sola mano. E la cosa, come spesso accade da quelle parti quando si parla di giochi, funziona. Dopo aver cliccato sull’app, veniamo a trovarci di fronte ad un menu nel pieno stile delle ultime produzioni in 2D di Mario, linee morbide e ambienti colorati; da lì, subito ad un efficace tutorial che ci insegna il necessario per sopravvivere.
Super Mario Run è, in nuce, un tipico infinite run game, il quale però riesce a spogliarsi di tutte le banalità di questo inflazionatissimo genere. Mario, velocista scarlatto fuori forma, procede per il livello a velocità costante e senza mai fermarsi. Pigiare col dito sullo schermo serve a compiere tutte le azione atletiche: salto (che più terremo premuto e più sarà alto), piccolo doppio salto, salto di parete in parete. La corsa è resa ancora più fluida dal fatto inedito di poter scavalcare con una cavallina i nemici di terra senza eliminarli. Ciò non accade con quelli volanti: quando verremo colpiti, così come quando cadremo da una piattaforma, perderemo una vita, per ritrovarci subito all’interno di una bolla che ci rilascerà indietro nel livello dove preferiremo, entro un breve limite. Tuttavia potremo sempre decidere di saltare in testa ai nemici senza pietà alcuna, guadagnando una moneta per ogni avversario. Molto intelligente il modo in cui sono stati risolti alcuni paradossi di forma: su una piattaforma sospesa, ad esempio, Mario si fermerà, consentendoci di ripartire quando saremo arrivati a destinazione. Abbiamo parlato di Mario, ma potranno cimentarsi nell’avventura anche Luigi e Yoshi, altri personaggi controllabili: in fondo lo sappiamo che il nostro eroe non viaggia mai da solo.
La forma semplice nasconde però uno spesso strato di contenuti. Il gameplay esibisce una buona varietà già nella modalità di gioco classica: basti menzionare i piccoli indovinelli ambientali nei livelli dei Boo, o i boss di fine mondo (questi in realtà abbastanza superficiali). Uno dei motivi principali del gameplay è la raccolta delle monete, quelle classiche d’oro più 5 colorate per ogni livello. Per poterle ottenere tutte occorre completare il livello con buona esecuzione di movenze, e in alcune sezioni secondo pattern precisi. Specialmente per quest’ultimo aspetto viene in nostro soccorso la possibilità di richiamare a nostro piacimento la bolla, così da tornare sui passi precedenti e ripetere in maniera corretta la sequenza. Riguardo alle monete colorate, una volta raccolte tutte e 5 per stage, ritorneranno nel livello in un colore diverso e disposte in posizioni più scomode, offrendo un’ulteriore stuzzicante sfida.
Super Mario Run anteprima
Il collezionamento dei preziosi gettoni d’oro s’incastra con la parte più squisistamente gestionale del titolo. Grande attenzione è stata infatti riposta nell’amministrazione del proprio reame nella modalità Regno. Questo sarà personalizzabile spendendo le monete guadagnate nella modalità platform, tramite l’acquisto di espansioni ed oggetti vari. Gli oggetti in particolare, sono alcuni di natura puramente ornamentale, altri invece di contenuto ludico, rimpolpando di molto la quantità di contenuti. E possiamo pian piano far salire di livello il nostro regno.
La terza grande fetta del gioco è infine quella rappresentata dalla modalità Sfida. Potremo dar sfogo alla nostra parte più competitiva sfidando in maniera asincrona altri giocatori da tutto il mondo, concorrendo con la loro partita sottoforma di Toad fantasma. Per queste gare sarà determinante il coefficiente di spettacolarità: vengono richiesti maestria e impegno per trasformare il proprio Mario in un perfetto trapezista sempre di corsa, attingendo a tutto il reperetorio delle mosse accessorie apprendibili dalla lista dedicata presente nel menù. I corridori sparsi per il globo possono essere individuati in maniera casuale o connettendosi attraverso varie modalità e social network. Anche il Nintendo Account è associabile (ma non necessario) per godere di alcuni vantaggi.
Super Mario Run anteprima
Super Mario Run è un gioiellino per le nostre pupille. L’azione è come sempre coloratissima, le forme sono morbide e il tutto si muove con scorrevolezza e definizione deliziose. La leggibilità dell’azione gode dell’artefizio di lasciare la parte bassa dello schermo occupata da un cespuglio: così facendo il dito che useremo per giocare non coprirà alcuna percentule dello schermo di gioco utile. L’audio si mantiene sulle linee di composizioni e di effetti della serie New Super Mario Bros, puntando quindi sulla facile riconoscibilità uditiva, scelta che si spiega ovviamente nella sua pragmaticità, chiudendo un occhio sul fatto che le musichette siano forse ormai stantie.
Abbiamo avuto modo di provare il gioco sia su iPhone, che su diversi modelli di iPad (in un futuro prossimo il titolo sarà disponibile anche sui dispositivi Android). Nonostante sui più estesi schermi dei tablet il colpo d’occhio risulti interessante, si viene a perdere il senso di immediatezza e praticità del giocare con una sola mano, con un solo dito. Per lo stesso motivo, d’altronde, il gioco è possibile solo in visuale verticale.
Super Mario Run anteprima
Giungendo alla fine di questa anteprima, possiamo affermare che Super Mario Run promette fuochi d’artificio. La mole di contenuti è sorprendente per un mobile game: si consideri che altro ci sarebbe da descrivere, ma molte informazioni resteranno riservate fino all’uscita del titolo.
Nintendo potrebbe replicare, anzi superare il successo di Pokémon Go. In primo luogo, Mario infatti è un’icona ancora più universale e universalmente amata; secondo, lo stile di gioco con una sola mano, che fa venire in mente le partite dei giapponesi in treno mentre con l’altro palmo si reggono in piedi nel mezzo in movimento, è semplice, diretto, divertente, e anche questo universale.
Il titolo sarà scaricabile anche gratuitamente, offrendo però un’esperienza di gioco più lenta nel completamento e nel raggiungimento dei contenuti rispetto alla versione acquistata. Il prezzo di €9,99 appare obbiettivamente alto, ma ciò accade forse se consideriamo Super Mario Run come un’app. Invece, Super Mario Run è un gioco. Un gioco di Mario, un gioco Nintendo. Senza alcun timore, novizio eppure con la solita ineguagliabile esperienza. Un gioco che con molta probabilità si appresta a scuotere prepotentemente i livelli di qualità del gioco su telefonino.

15 thoughts on “Super Mario Run – Anteprima

  1. Bravo, scritto bene e andando subito a coprire i punti salienti e non mi ha stancato. (come può accadere a volte leggendo un articolo lungo). Veramente good!

  2. Ottimo. Fa strano pensare che il quantitativo maggiore di novità sia arrivato su mobile e non sui caitoli per le console.
    Spero sinceramente che metteranno un premio nel myNintendo per sbloccare la modalità a pagamento. Capiterebbe a fagiolo.
    Ps:
    Fra 3 mesi in teoria dovrebbero uscire anche le app di Animal Crossing e Fire Emblem. Si sa qualcosa al riguardo, non vi hanno anticipato nulla?

    1. Non penso si riferiscano al picco, ma nel lungo periodo. Pokemon non si presta per i pendolari. Per giocarci bene devi andare in giro quando hai tempo libero.

    2. Tieni conto che lo puoi scaricare gratuitamente e puoi anche non spendere 10 euro,dovrebbe valere quello come download,in fondo Nintendo è quello che cerca per farsi pubblicità

    3. Ho basato questa personalissima previsione su due fattori, che però vanno a braccetto:
      – fattore ludico: il gameplay di Super Mario Run è adatto a tutti, per velocità e semplicità;
      – Mario è un’icona veramente universale, mentre i Pokémon sono, per molti non videogiocatori, un brand per bambini.
      In definitiva, Super Mario Run è sulla carta più versatile, sempre IMHO ovviamente 🙂

      1. In verità attorno a Mario vi è un alone di luoghi comuni, come succede anche per Pokémon, anche se lì come hai ben detto tu è più visibile. C’è da dire che non trovo questa cosa una discriminante per il successo del gioco, o almeno nel prevedere che sia un successo maggiore a quanto lo è stato quello di Pokémon Go.
        Per quanto concerne “il fattore ludico” concordo, Mario è più immediato, ed è anche per questo che a molti farà gola, mentre come ben sappiamo Pokémon Go è più limitante.
        Il fatto però è che Mario uscirà almeno all’inizio solo su iOS, cosa da tenere in considerazione se si vogliono fare certe affermazioni.
        Il fatto è che sono dubbioso sul maggior successo rispetto a Pokémon lo stesso, anche se uscisse (e uscirà) su android, in quanto su questo sistema operativo c’è da dire innanzitutto che la pirateria è sovrana, ed inoltre non dobbiamo dimenticarci che Pokémon è un’app gratuita mentre Mario per essere goduta appieno si dovrà sborsare denaro, che non a tutti piace; credo che all’utenza, soprattutto android, un’app gratuita sia meglio rispetto ad una che costa così tanto.
        Detto questo, la mia non vuole essere una visione universale, ovviamente, come immagino anche la tua, ma soltanto una opinione personale dettata da diversi fattori che mi fanno pensare ciò, il tempo ci dirà le risposte.

  3. Ma la versione completa cosa avrebbe? Monete doppie/ niente pubblicitá? (Più che altro nella recensione dici che chi non paga può sbloccare tutto) Perché in generale io i soldi li spendo volentieri se il prodotto merita, qualunque sia il media

    1. Sblocchi il gioco intero. NON è un endless runner, è fatto a livelli: nel video della q&a di reggie, mi pare venga specificato che saranno 24, di cui i primi 3 e mezzo accessibili gratis per chi non acquista tutto il gioco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *