Phil Spencer si fida di Nintendo e non crede che possa rovinare il mondo dei videogiochi

phil-spencer-XBOX-Game-Studios-nintendon
L'acquisto storico effettuato da Microsoft sta facendo tenere tutto il mondo videoludico col fiato sospeso, ma Phil Spencer vuole rassicurare tutti.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Le ultime dichiarazioni dal capo di Xbox dopo la storica acquisizione

Il terremoto mediatico che ha visto al centro dei riflettori Microsoft, dopo l’acquisto di Activision-Blizzard per la cifra di 70 miliardi di dollari, non si è ancora esaurito, e continuano a piovere dichiarazioni da entrambe le parti.

Phil Spencer, CEO di Microsoft Gaming nonché capo del brand Xbox, è stato intervistato dal The Washington Post in merito a questa incredibile transazione, il quale si è espresso anche in merito alla sua concorrenza, ovvero Sony e Nintendo.

Hanno una lunghissima carriera nell’ambito dei videogiochi. Nintendo non farà alcun danno al mondo videoludico a lungo andare, perché è così che lavorano. Per Sony vale lo stesso, e mi fido di loro… anche Valve, stessa cosa. Quando guardiamo agli altri grandi competitor di Microsoft nel mercato tecnologico pensiamo a Google, che si occupa di ricerca, Amazon che fa shopping, Facebook lavora nel mondo social, pensiamo a tutte questi business su grande scala. La discussione che abbiamo avuto internamente riguarda questo: così come queste cose sono importanti per queste compagnie, allo stesso modo il gaming può esserlo per Microsoft.

Phil Spencer

Le parole di Spencer sono molto chiare: non sembra che abbia intenzione di minare il mercato compromettendo ciò che stanno facendo Sony e Nintendo, e dice di voler sviluppare una relazione amichevole con loro. Ciononostante, l’acquisizione di Activision-Blizzard è stata una mossa estremamente forte, e non tutti sono sicuri della buona parola di Spencer quando ammette di non voler schiacciare la concorrenza.

Cosa pensate di questa situazione? Credete che Microsoft non abbia davvero intenzioni ostili verso i suoi competitor in ambito videoludico?

Potrebbero interessarti

No more posts to show