Hyrule Warriors: L’era della calamità, ecco come sono nate le espansioni

Cos'ha spinto i creatori di Hyrule Warriors: L'era della calamità a sviluppare i due DLC?

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Un simpatico aneddoto sulla nascita delle espansioni

I due DLC di Hyrule Warriors: L’era della calamità, rispettivamente “Il battito ancestrale” e “Il guardiano dei ricordi“, aggiungevano numerosi contenuti aggiuntivi, molti dei quali di dubbiosa canonicità ma che hanno aggiunto ore e ore di gioco al titolo sviluppato da Omega Force. Ebbene, lo sapevate che inizialmente non erano nemmeno previsti?

In una recente intervista concessa alla rivista giapponese Nintendo Dream, il director Ryouta Matsushita, i produttori Yosuke Hayashi e Masaki Furusawa e l’artista Yu Oboshi hanno commentato le origini dei contenuti aggiuntivi:

La decisione di aggiungere un Expansion Pass è stata presa dopo l’uscita del gioco?

Hayashi: Sì, il che potrebbe sembrare una bugia a molti fan ma… è la verità (ride).

Tutti: (ride).

Hayashi: Una volta terminato il ciclo di sviluppo e messa in vendita la versione retail, il team di sviluppo si era sciolto.

Furusawa: Circa un mese dopo il rilascio, abbiamo ricevuto molti feedback sul sito web ufficiale del gioco da fan che si chiedevano se ci fossero piani per dei DLC.

Matsushita: Quelle richieste sono arrivate dopo il rilascio del gioco.

Oboshi: Appena dopo l’uscita del gioco!

Hayashi: Quella risposta ha portato allo sviluppo del primo DLC. Anche Breath of the Wild ha ricevuto il proprio Expansion Pass, un gioco fatto per i giocatori con cui giocare a lungo, e anche il team di Zelda ha espresso interesse a realizzare DLC. A quel punto, alcuni membri dello staff stavano già lavorando ad altri progetti, ma… siamo riusciti a riaverli in cordata un’altra volta (ride).

Oboshi: Quello era il caos assoluto (ride).

Hayashi: Con la squadra di nuovo unita, abbiamo pensato al modo migliore per i fan di godersi ancora di più Hyrule Warriors. Il nostro obiettivo principale erano le idee che non potevamo mettere nel gioco principale. Abbiamo stabilito quali di queste idee utilizzare e le abbiamo scelte come punto focale per lo sviluppo. Ci è voluto circa un anno prima che le cose finalmente si concludessero.

Come vi siete sentiti quando avete capito che il DLC era davvero in fase di sviluppo?

Matsushita: In una parola, ero estasiato: ci hanno lasciato lavorare di nuovo per quel gioco! (ride). C’è stato un senso di sollievo una volta terminato lo sviluppo del gioco principale, ma a pensare che fosse tutto finito… ero un po’ triste. Con questo DLC, sono stato grato di poter lavorare con il team per un altro anno.

Furusawa: Inizialmente non c’erano piani per un DLC, quindi abbiamo evitato di mettere qualcosa sul sito web del gioco per tenere sotto controllo le speranze dei fan. Abbiamo sempre saputo che le persone volevano DLC per il gioco, ed è stato un sollievo quando finalmente abbiamo ottenuto il via libera. Sono stato contento che siamo stati in grado di fornire i contenuti desiderati dai fan.

Non c’è che dire, una chiacchierata di professionisti che svela come anche un DLC per un franchise tanto amato possa essere un vero evento sia per i giocatori che per chi ci lavora. E voi? Avete scaricato i contenuti aggiuntivi di Hyrule Warriors: L’era della calamità?

Potrebbero interessarti

No more posts to show