Game Freak parla delle critiche, del collegamento con Pokémon GO e altro

Game Freak parla dei feedback negativi, del collegamento con Pokémon go, di Pokémon Let's go e di altro ancora.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

L’intervista fa luce su tanti aspetti del brand

Eurogamer ha ultimamente avuto modo di parlare con Shigeru Ohmori e Junichi Masuda, due dei principali esponenti di Game Freak. Di seguito uno spezzone dell’intervista, che potete leggere per intero qui:

EU: Ci sarà una connessione con Pokémon GO?

SO: In merito a Pokémon Spada e Scudo, non ci sarà nessuna connessione con Pokémon GO, ma ci sarà invece fra Pokémon Home e Pokémon Go, ovvero sarà possibile trasferire Pokémon dal secondo al primo.

EU: È difficile accontentare le richieste di tutti? Lavorate sempre con una certa pressione addosso?

SO: Sì, ci sentiamo sicuramente un po’ sotto pressione mentre lavoriamo al gioco, ma questo non rende il lavoro necessariamente più stressante. Alla fine della giornata siamo comunque felici di aver lavorato a qualcosa che ci piace. Ma in ogni caso noi cerchiamo comunque di soddisfare i desideri e le aspettative di tutti, questa è una costante sfida per noi. Nel complesso potremmo dire che nel nostro lavoro c’è sia divertimento che pressione.

EU: E riguardo i feedback negativi?

JM: Beh, certamente, ogniqualvolta uno sviluppatore vede criticato un proprio lavoro non può fare a meno di sentirsi un po’ giù. Però le critiche vanno accettate. Ad esempio con l’uscita di Pokémon Let’s Go ci furono subito molte critiche a causa dell’eccessiva facilità e del fatto che sembrasse troppo rivolto ai bambini. Questi commenti noi ce li segniamo e ne facciamo tesoro, cercando di migliorarci nel capitolo successivo della serie.
Parlando delle critiche riguardo il Pokédex invece (il taglio di molti Pokémon, n.d.r.), ammettiamo che è stata una decisione piuttosto difficile da prendere. Ne abbiamo discusso spesso con tutto lo staff, e alla fine siamo giunti alla conclusione che potevamo rendere l’esperienza di gioco molto ricca anche rinunciando a un certo numero di Pokémon.

EU: Avete dei piani su altri eventuali giochi stile Let’s Go?

JM: Al momento no, ma se i fan lo volessero allora dovrebbero dirlo a gran voce, e sicuramente li ascolteremmo!

Potrebbero interessarti

No more posts to show