Nintendo pubblica un comunicato ufficiale in seguito alla cancellazione dello Smash World Tour

Super Smash Bros U
Ecco la risposta ufficiale di Nintendo sulla questione cancellazione Smash World Tour. Anche Panda Global pospone i propri eventi.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Anche Panda Global pospone la Panda Cup.

Dopo la notizia di settimana scorsa riguardante la chiusura dei tornei non ufficiali di Smash Bros. a seguito di un “cessa e desisti” da parte di Nintendo, quest’ultima ha finalmente rilasciato un comunicato tramite IGN in cui prova a dare spiegazioni sul perché abbia scelto di ritirare la licenza dello Smash World Tour e porre così fine all’evento. Benché il comunicato si concentri sulla valutazione da parte di Nintendo delle attività non coperte da licenza dell’organizzazione di Smash World Tour, la decisione sembra non essere stata improvvisa e Nintendo avrebbe notificato regolarmente in anticipo agli organizzatori che la licenza sarebbe stata ritirata.

Quello che maggiormente colpisce del comunicato è il fatto che Nintendo sembra non aver mai chiesto ufficialmente la chiusura dei campionati Smash World Tour del 2022, chiamando in causa l’impatto che avrebbe avuto sui giocatori. Quindi sembra che “la decisione di cancellare SWT 2022 è e rimarrà una loro scelta”, questo riferito agli organizzatori.

Ecco di seguito un brano tratto dal comunicato ufficiale su IGN:

La decisione di Nintendo si è basata soltanto sul nostro giudizio riguardante le proposte inviateci da SWT e dalla valutazione delle loro attività non coperte da licenza. Questa decisione non è stata presa da alcuna terza parte come Panda Global. Ogni partner a cui accordiamo la licenza deve rispettare gli alti requisiti che richiediamo quando si tratta della salute e della sicurezza dei nostri fan. Inoltre è importante che il partner si attenga alle linee guida del brand e dell’IP e si comporti secondo lo stato dell’arte a livello professionale e organizzativo. Utilizziamo questo approccio per giudicare tutti i partner in modo indipendente. Se scopriamo che un partner sta facendo qualcosa di inappropriato, lavoriamo per correggerlo.

Quando abbiamo informato SWT che non avremmo concesso la licenza per le loro attività del 2022 o 2023, gli abbiamo anche fatto sapere verbalmente che non era richiesto che cancellassero le finali del 2022 a causa dell’impatto che ciò avrebbe avuto sui giocatori. Pertanto, la decisione di cancellare SWT 2022 è e rimarrà una loro scelta.

La versione integrale del comunicato è leggibile su IGN e prosegue dettagliando la decisione di Nintendo di continuare a lavorare con Panda Global che è invece l’host ufficiale degli eventi legati a Smash Bros. e che secondo SMT li avrebbe precedentemente minacciati. Tuttavia al comunicato di Nintendo ha fatto seguito un comunicato proprio di Panda Global in cui apprendiamo che Alan Bunney non è più il CEO dell’azienda e che si sta formando un comitato ad interim incaricato della gestione delle risorse (soprattutto personale) che volessero a loro volta rinunciare agli incarichi in Panda e trovare posto altrove. Inoltre, le finali della Panda Cup sono state posposte per ragioni di sicurezza concernenti lo staff e gli appaltatori.

Cosa ne pensate degli sviluppi della vicenda? Vi aspettavate questa risposta da Nintendo e le dimissioni da parte del CEO di Panda Global?

Potrebbero interessarti

No more posts to show