Monster Hunter Rise, lo sviluppo iniziò con il 3DS partendo dalle modifiche a Generations Ultimate

Monster Hunter Rise Sunbreak
Il director di Monster Hunter Rise ha rivelato come lo sviluppo del gioco sia iniziato con alcuni test sull'hardware del 3DS.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

La genesi iniziata sull’impalcatura della vecchia versione portatile.

Il direttore creativo di Monster Hunter Rise, Yasunori Ichinose ha recentemente parlato dello sviluppo del gioco  alla rivista giapponese Nintendo Dream. La lavorazione al titolo in realtà era già iniziata con il 3DS, ai tempi in cui un piccolo team iniziò a dedicarsi ad alcune modifiche alla struttura di Monster Hunter Generations Ultimate. Ovviamente, la discussione ha riguardato anche l’impatto del COVID sul progresso dei lavori al gioco. Ecco di seguito alcuni dei commenti di Ichinose, tratti dall’intervista.

Lo sviluppo ha avuto inizio sei anni fa?

Ichinose: Prima di Rise ero a capo di Monster Hunter Generations, ma la sua versione aggiornata, Generations Ultimate, è stata affidata ad un altro direttore. Al tempo, il sig. Tjusimoto* disse voleva realizzare un Monster Hunter portatile per Nintendo Switch e lo sviluppo iniziò a muoversi in quella direzione. Venivo spesso chiamato per fornire assistenza su Generations Ultimate, quindi più che un inizio di sviluppo a pieno titolo, Rise partì con movimenti di piccola scala in un gruppo ristretto di persone.

*il fondatore di Capcom, Kenzo Tsujimoto

Il piano è sempre stato quello di portare il gioco su Switch?

Ichinose: Al tempo non avevamo l’hardware per lo sviluppo, ma questo era l’accordo che avevamo con Nintendo. La creazione di Generations Ultimate era nel pieno, quindi inizialmente c’erano solo tre persone nel team: io, il planner principale ed un programmatore. Non avevamo un kit di sviluppo ed invece usavamo un 3DS. Abbiamo testato gli Insetti Filo e le meccaniche a cui stavamo lavorando sin dall’inizio del progetto facendo modifiche a Generations Ultimate.

Hai detto che il periodo di sviluppo è stato di sei anni. I recenti eventi mondiali hanno avuto impatto sulla produzione?

Ichinose: L’anno fiscale successivo allo sviluppo del gioco è stato molto influenzato dal COVID, che è stato proprio quando il gioco è arrivato nei negozi. L’azienda non è stata in grado di lavorare per circa due mesi, e avevamo bisogno di sperimentare con urgenza con quello che potevamo fare da casa. Tenevamo riunioni, facevamo registrazioni e videochat, e in quel senso, il modo di lavorare è cambiato considerevolmente. Questo era più o meno il periodo in cui anche i doppiatori stavano registrando e la settimana in cui il sig. Kumoyuki chiamò per rimandare le cose fu quando venne dichiarato lo stato di emergenza. Il calendario è cambiato drasticamente, e dopo aver rimescolato tutto di nuovo, siamo comunque riusciti a lanciare il gioco a marzo, come era nell’intenzioni iniziali. Lo staff ha lavorato molto duramente per far uscire il gioco, ma tutti i pezzi sono andati al loro posto all’ultimissimo minuto.

Come sapete, Monster Hunter Rise è disponibile su Nintendo Switch, e da poco potete giocare anche la prima espansione, Monster Hunter Rise: Sunbreak.

Avete già giocato Sunbreak? Cosa ne pensate del fatto che l’inizio dello sviluppo di Rise sia iniziato sul caro, vecchio 3DS?

Potrebbero interessarti

No more posts to show