Reggie puntava su Metroid: Other M come svolta per la serie

Metroid-Other-M-NintendOn
Reggie Fils-Aime racconta di aver puntato su Metroid: Other M come punto di svolta per la saga, e descrive i punti deboli del gioco stesso.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Reggie Fils-Aime racconta di aver creduto molto nel capitolo di Metroid pubblicato su Wii

Dopo aver confessato il suo parere su Donkey Konga ai microfoni di G4TV e aver raccontato vari retroscena sul suo passato da ex presidente di Nintendo America, Reggie Fils-Aime torna a far parlare di sé grazie all’intervista che potete ascoltare per intero sul canale di Kinda Funny Games.

Nell’ultimo episodio di Kinda Funny Gamecast si è parlato infatti anche di Metroid: Other M, pubblicato per Wii nel 2010. Il capitolo, che percorre degli eventi ambientati fra Super Metroid (pubblicato per Super Nintendo nel 1994) e Metroid Fusion (titolo per Gameboy Advance del 2002), divise la critica al suo rilascio per le meccaniche innovative e ben distanti dai giochi che lo precedettero, ma evidentemente non suscitò mai dubbi in Reggie Fils-Aime, che ha dichiarato:

Pensai davvero che sarebbe stato un momento decisivo per il franchise di Metroid. Stava dando una prospettiva molto più ampia sul personaggio di Samus. Credevo davvero che sarebbe stato un punto di svolta per la storia della saga, e non fu così. Non ci fu una ricezione. Non tanto per le vendite, semplicemente non colpì i giocatori come speravamo che facesse.

Un dato interessante, ci fu una riunione con un gruppo vasto di persone, una riunione con Iwata, con Miyamoto e con gli sviluppatori del gioco, dove ci chiedemmo come mai ciò non accadde. Io feci il classico americano sfacciato. Ero l’unico che avrebbe detto ciò che ritenevo fosse vero per aiutare gli affari a migliorare. Il punto che esposi agli sviluppatori fu che ci voleva davvero troppo tempo per arrivare al succo del gioco. Le prime cinque ore andavi in giro. Non c’era granchè come compenso, c’era molto dialogo, e sono sicuro che (dicendolo) infastidii molta gente nella stanza. Ma ciò che imparammo fu che il videogiocatore vuole arrivare alle cose molto più in fretta. Certo, ci sono elementi che dobbiamo introdurre in una fase di tutorial perché si apprendano le meccaniche di gioco, ma bisogna arrivare al sodo molto più in fretta. E spero che questo consiglio abbia avuto anche un minimo di impatto sugli sviluppatori presenti alla riunione.

Metroid: Other M viene classificato con un punteggio di 79/100 su Metacritic e venne premiato nel 2010 da IGN con il riconoscimento “Coolest Atmosphere”. Voi avete mai giocato questo titolo? Se sì, concordate con le dichiarazioni di Reggie?

Potrebbero interessarti

No more posts to show