Nintendo Switch OLED: uno youtuber lo ha tenuto acceso 1800 ore per testare il burn-in

Nintendo-Switch-OLED-2-NintendOn
Se eravate preoccupati per la longevità dello schermo di Nintendo Switch OLED, potete dormire sonni tranquilli: uno youtuber ne ha verificato la longevità.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Un test limite per verificare la longevità dello schermo

I pannelli OLED sono i più apprezzati dalla maggior parte dei consumatori: presentano una luminosità relativamente bassa rispetto agli LCD, ma presentano un contrasto teoricamente infinito e dei colori estremamente brillanti, molto gradevoli soprattutto quando vengono usati per guardare film o, appunto, videogiocare.

Uno dei maggiori problemi, però, che sembra affliggere tuttora i pannelli OLED è il burn-in: un fenomeno che “imprime” permanentemente le immagini sullo schermo, se questo viene utilizzato alla massima luminosità con un’immagine statica per molto tempo. I TV moderni sono riusciti ad aggirare parzialmente questo problema, ma non ad eliminarlo, in quanto si tratta di una caratteristica intrinseca di questa tecnologia.

L’annuncio di Nintendo Switch OLED fece, fin dall’inizio, preoccupare gli utenti proprio per questa ragione: c’è effettivamente rischio che lo schermo di Switch OLED presenti del burn-in? Per rispondere a questa domanda, lo youtuber WULFF DEN ha condotto un test molto interessante.

Per questa verifica, WULFF DEN ha tenuto accesa la console per più di 1800 ore alla massima luminosità, ferma sulla stessa schermata. Il risultato è stato molto confortante: non c’è stato alcun segno evidente di burn-in, solo una leggera diminuzione della luminosità nella parte superiore dello schermo, il che dimostra la validità del test effettuato.

In definitiva: no, il burn-in non sembra, al momento, un problema concreto per quanto riguarda lo schermo di Nintendo Switch OLED. Certo, tenendolo acceso per decine di migliaia di ore senza cambiare schermata e alla massima luminosità, potrebbe iniziare a presentare problemi, ma parliamo di uno scenario molto lontano dalla realtà, impossibile da riscontrare nell’utilizzo comune della console, se non per un test simile condotto per più tempo.

Voi avete acquistato un Nintendo Switch OLED? Eravate preoccupati per il burn-in?

Potrebbero interessarti

No more posts to show