News

La PETA vorrebbe che Nintendo inserisse la propria mascotte in Super Smash Bros. Ultimate

Game

PETA indice una petizione per inserire la propria mascotte come ultimo personaggio del DLC di Super Smash Bros. Ultimate.

PETA indice una petizione per inserire la propria mascotte come ultimo personaggio del DLC di Super Smash Bros. Ultimate.

Super Smash Bros Ultimate
Settembre 10, 2021

Un’aggressiva operazione di awareness.

L’organizzazione PETA è conosciuta per le sue tattiche di marketing alquanto aggressive al fine di promuovere il proprio messaggio di rispetto degli animali e la scelta del veganismo. In questo caso, PETA è arrivata a indire una petizione per chiedere al buon Masahiro Sakurai di inserire la propria mascotte “Not a Nugget” come ultimo personaggio del DLC di Super Smash Bros. Ultimate. L’inserimento di questo personaggio nel roster del noto gioco di combattimento, metterebbe in luce le abilità degli animali e incoraggerebbe i giocatori a riconsiderare lo specismo, cioè la convinzione secondo cui l’uomo è l’essere superiore per status e valore.

Fonte: NintendoEnthusiast

Addirittura alcuni dei membri PETA amanti di Nintendo avrebbero pensato alle possibili abilità da conferire all’animaletto all’interno di Super Smash Bros. Ultimate, come si legge di seguito:

La PETA suggerisce che ‘Not a Nugget’ potrebbe servirsi di vari oggetti, come gli spinaci ed il tofu, utilizzabili per ripristinare il contatore dei danni; una pistola stordente convertita da un lavoratore di un mattatoio per sparare lampi mortali di elettricità ai nemici; ed una terrificante macina, come quelle utilizzate dall’industria delle uova per macinare i pulcini maschi, da utilizzare per far fuggire i propri rivali. Potrebbe anche avere diverse mosse nel proprio arsenale, tra cui lo Scudo (trasformandosi in un uovo), il Not a Nug Stomp (che gli permetterebbe di crescere di quattro taglie per schiacciare i personaggi vicini) ed il Super Flap (che spazzerebbe via i nemici con le sue potenti ali).

Potrebbe interessarti:
Animal Crossing: New Horizons, il PETA occupa il museo di Blatero in segno di protesta.

Ovviamente si tratta di una campagna di sensibilizzazione e nessuno crede veramente al fatto che la mascotte di PETA giunga a portare scompiglio nel meta di Smash. Come ha detto il vice presidente di PETA, Joel Bartlett:

Ci auguriamo che Nintendo vivacizzi il suo gioco aggiungendo il nostro soffice antagonista dello sfruttamento animale nella mischia.

Joel Bartlett

Che ne pensate di questa trovata di marketing? Conoscevate la PETA?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *