News

Hyrule Warriors: L’era della calamità, non è stato facile ricreare il mondo di gioco

Game

Ricreare il mondo di Hyrule Warriors: L’era della calamità non è stata una sfida semplice per il team di sviluppo.

Ricreare il mondo di Hyrule Warriors: L’era della calamità non è stata una sfida semplice per il team di sviluppo.

Agosto 23, 2021

Un’intervista svela nuovi retroscena

Hyrule Warriors: L’era della calamità è ambientato 100 anni prima degli eventi di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, dando modo di vedere com’era il regno prima che venisse in parte distrutto. Questa è stata una bella sfida per il team di sviluppo, che ha dovuto adattare i vari terreni ideali per i combattimenti e immaginare come sarebbe stato originariamente il mondo di gioco.

In un’intervista con Dengeki Online, i produttori Yosuke Hayashi e Masaki Furusawa, e il director Ryota Matsushita, hanno parlato dello sviluppo e rivelato nuovi retroscena sulla creazione del regno di Hyrule.

HyruleWarriorsAgeOfCalamity-logo-nintendon

Durante la progettazione delle mappe, il team ha faticato a ricreare qualche terreno di Breath of the Wild o, al contrario, ha trovato difficile creare parti del mondo ed edifici che prima degli avvenimenti di Breath of the Wild erano intatti?

Matsushita: Breath of the Wild è un gioco di avventura singleplayer, e la mappa e il mondo sono una parte cruciale del gameplay. La prima cosa che dovevamo fare era adattare l’ambiente in modo che fosse ideale per i combattimenti. Dovevamo contemporaneamente far apparire il mondo come sarebbe stato 100 anni prima e allo stesso tempo renderlo un campo di battaglia appropriato.

“100 anni” e “Campo di battaglia” erano le nostre parole chiave. Abbiamo dovuto immaginare cose come le basi nemiche e le mura della città distrutte dalle rovine in Breath of the Wild. Stavamo progettando un campo di battaglia in modo da fondere le nostre parole chiave con delle indicazioni, come dei forti nemici che esistevano 100 anni prima.

Furusawa: Il primo campo su cui abbiamo iniziato a lavorare è stato Hyrule Field (Piana di Hyrule). Dovevamo renderlo bello, ma la sfida era farlo sembrare ampio. Una modifica sbagliata e improvvisamente non sarebbe sembrato più come Breath of the Wild. È stato difficile far sembrare Hyrule Field (Piana di Hyrule) come un luogo di battaglia, non si adattava molto bene.

Potrebbe interessarti: Sakurai racconta il suo punto di vista riguardo la pensione e altro ancora

Il primo DLC di Hyrule Warriors: L’era della calamità, uscito lo scorso giugno, ha introdotto diverse novità all’interno del titolo, tra cui nuove modalità, armi e personaggi. Cosa ne pensate del gioco? Credete che Koei Tecmo sia riuscita nell’impresa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *