Burn-in su Switch OLED? Nintendo rassicura i fan

nintendo-switch-oled-nintendon
La Grande N si è espressa su questo potenziale problema, rassicurando i fan.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

La Grande N prova a sciogliere i dubbi

Nintendo Switch OLED farà il suo debutto sugli scaffali il prossimo 8 ottobre e segnerà importanti cambiamenti per l’esperienza portable, in particolare per quanto riguarda lo schermo. I colori vividi e l’alto contrasto saranno infatti le caratteristiche peculiari del gioco “on the go”, ma al tempo stesso la tecnologia OLED preoccupa qualche fan col tanto temuto burn-in.

Potrebbe interessarti:
Nuovi leak mostrano una prima versione del Wii Shop‎ e di un canale scartato

Il fenomeno si presenta col tempo e si traduce in uno scolorimento permanente di una porzione dello schermo o di un’immagine “fantasma”, che rimane in sovrimpressione. La Grande N si è quindi espressa su questo potenziale problema, rassicurando i fan:

Abbiamo progettato lo schermo OLED con l’obiettivo di incontrare la miglior longevità, ma gli schermi OLED possono incorrere nel burn-in se la visuale resta statica per un lungo periodo. Tuttavia, gli utenti possono prendere misure preventive per preservare lo schermo usando le feature incluse di default nel sistema di Nintendo Switch, come le funzioni di auto-illuminazione per evitare un’eccessiva illuminazione, e la funzione di auto-sleep dopo brevi periodi di tempo.

Il burn-in non è un fenomeno così frequente come si può pensare, ma speriamo non affligga Switch OLED nel corso del tempo. Voi cosa ne pensate? Acquisterete le revisione della piccola ibrida?

Potrebbero interessarti

No more posts to show