Panic Button:”Port per Switch difficili, ma a noi piacciono le sfide”

Adam Creighton di Panic Button si è espresso a proposito dei port per Nintendo Switch ai quali lo studio sta lavorando in questo periodo.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

L’ambizione dei Panic Button

Nel corso di un’intervista rilasciata a Games Industry, Adam Creighton di Panic Button si è espresso a proposito dei port per Nintendo Switch ai quali lo studio sta lavorando in questo periodo.

Ecco le sue parole:

Ci piacciono i progetti che sono speciali per la piattaforma di destinazione, e Nintendo Switch è un device molto interessante che puoi usare fuori casa, docked, o in entrambe le modalità. Abbiamo fatto cose con gli schemi di controllo e il motion, ma anche portare titoli AAA su questo hardware ibrido è stato molto stimolante. Ci piace la sfida, è parte del nostro lavoro.

I port sono difficili, perché quando qualcuno progetta un gioco per la prima volta su una piattaforma, può tagliare via feature o fare cambiamenti dei quali la gente non viene a sapere. Per un port, dobbiamo trasporre il gioco fedelmente con il suo gameplay e feature, o la gente lo percepirà come un prodotto inferiore.

Sembra che i Panic Button siano dei veri perfezionisti, non credete anche voi?

[amazon_link asins=’B079NCC8KT,B07CBPK5BQ,B07B5WB745′ template=’ProductCarousel’ store=’nint0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2ba431a3-d46b-11e8-8664-d9b122d783c5′]

Potrebbero interessarti

No more posts to show