Il CIO ha deciso: i videogiochi sono ufficialmente uno sport

Una storica decisione quella del Comitato Olimpico Internazionale, che ha ufficialmente riconosciuto i videogiochi come uno sport.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Una decisione che aspettavamo da tanto finalmente è arrivata: i videogiochi sono ufficialmente riconosciuti come uno sport. Ad annunciarlo è stato il CIO (Comitato Olimpico Internazionale) che ha elevato la nostra passione a vera e propria attività sportiva, visto che “gli eSports competitivi possono essere considerati un’attività sportiva, e i giocatori coinvolti si preparano e allenano con un’intensità che può essere paragonata a quella degli atleti delle discipline tradizionali“.

Come qualsiasi sport, dunque, anche i videogiochi dovranno sottostare ad alcune regole internazionali, come l’assoluto divieto dell’uso di sostanze dopanti, cosa che purtroppo abbiamo visto in passato in alcuni tornei ufficiali, seppur non ancora riconosciuti come sport. Il prossimo anno avremo il primo approccio ufficiale degli eSport ai Giochi Asiatici che si svolgeranno in Indonesia, con buone possibilità a questo punto di vedere eventi speciali anche alle Olimpiadi di Parigi 2024.

Anche alcuni titoli Nintendo sono considerati eSport e dunque ormai un vero e proprio sport, come Splatoon 2, ARMS e Super Smash Bros., che speriamo di vedere presto su Nintendo Switch. E’ iniziata una nuova era per i videogiochi e ora ci sentiamo tutti un po’ più sportivi, in un certo senso.

Potrebbero interessarti

No more posts to show