NBA Playgrounds, secondo gli sviluppatori Nintendo è troppo restrittiva nella pubblicazione delle patch

NBA Playgrounds roster online
L'aggiornamento per la versione Nintendo Switch di NBA Playgrounds tarda ad arrivare e gli svilippatori accusano Nintendo per le sue politiche restrittive.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Quella tra Nintendo Switch e NBA Playgrounds, o meglio il suo primo grande aggiornamento, sembra essere una storia senza fine: promesso inizialmente per “i giorni successivi” al lancio del gioco, sono passate molte settimane da quando il titolo è sbarcato sulla console ibrida ma continui rinvii rendono la versione Nintendo Switch del gioco Saber Interactive l’unica ancora mai aggiornata.

I problemi, almeno secondo gli sviluppatori, sono tutti da imputare alle politiche troppo restrittive adottate dalla compagnia giapponese in merito alla pubblicazione di aggiornamenti e patch; ecco alcuni interventi riportati su Reddit:

L’aggiornamento è pronto da settimane, purtroppo ci sono alcuni elementi della nostra patch che sono assolutamente essenziali ma che sono fuori dalle normali linee guida di Nintendo. Se Nintendo avesse approvato subito la patch, questa sarebbe stata rilasciata immediatamente da tempo. Non è che non stiamo lavorando per risolvere la cosa, anzi, per lavorare su questa patch relativamente semplice stiamo spendendo molto tempo che avremmo potuto utilizzare per migliorare ulteriormente il gioco.

 

Siamo completamente nelle mani di Nintendo, il nostro desiderio è quello di rendere la versione per Nintendo Switch alla pari delle concorrenti, visto che al momento pecca in alcune parti. Il changelog è sempre quello, da settimane.

I motivi, secondo quanto spiegato da Saber Interactive, sono tutti legati alla grandezza della patch: Nintendo infatti prevede una grandezza massima per gli aggiornamenti e questo, che comprende il ridimensionamento del gioco da 7 giga a circa 3 e mezzo, supera il limite massimo.

Speriamo che la cosa si sblocchi il prima possibile, sia per il bene dei consumatori che hanno acquistato NBA Playgrounds, sia per la console stessa che potrebbe vedere questo limite come un grande ostacolo per tutti gli sviluppatori di terze parti.

Potrebbero interessarti

No more posts to show