5 motivi per cui Mario Sports Superstars è meglio di Breath of the Wild

Mario Sports Superstars
Non è necessario essere leggendari per avere tra le mani il miglior titolo di questo Marzo 2017: Mario Sports Superstars ne è la conferma... forse!

Condividi l'articolo

Mario Sport Superstars è in arrivo a breve su sistemi della famiglia Nintendo 3DS. Porta con sé tutta l’esperienza di Nintendo e di Camelot nella creazione di simpatiche versioni degli sport più amati, maturata attraverso diverse generazioni di console con grandi classici (come la serie Mario Golf), controverse digressioni (i titoli olimpici sviluppati con Sega) e insospettabili, ottimi, titoli (come il baseball visto in Mario SuperSluggers, mai arrivato in Europa). Ci sono tutti gli indizi per creare un titolo capace di divertire e appassionare sia in single player che, soprattutto, in multiplayer, ma la data di uscita così ravvicinata a quel fenomeno tanto atteso che risponde a The Legend of Zelda: Breath of the Wild ci fa pensare: ma chi se lo filerà questo gioco, a parte i ragazzini che non possono certo comprarsi uno Switch e che magari trovano la leggendaria serie troppo complessa? Però può essere che si stia osservando la cosa dal punto di vista sbagliato: perché Mario Sports Superstars potrebbe essere un gioco MIGLIORE di Breath of the Wild. Assurdo? Io non direi: ve lo dimostro in 5 mosse!

Breath of the Wild vs Calcio

Nell’affascinante mondo di The Legend of Zelda: Breath of the Wild la fisica regola il comportamento di ogni oggetto, ma il massimo che si può fare per approntare una tradizionale sfida a calcetto nel verde con gli amici è portarsi in giro un barile per poi muoverlo a colpetti sperando che non si rompa… davvero deludente! Mario Sports Superstars ci fa vivere invece l’emozione del calcio vero, quello con 22 giocatori in campo e lo stadio pieno di tifosi festanti. Passaggi, cross, tiri e speciali colpi potentissimi creano un’esperienza adrenalinica che renderà ogni sfida con i vostri amici (anche in 2 vs 2, locale e online) davvero entusiasmante.

Tiro nello specchio, portiere tesissimo… manca giusto il commento di Caressa!

Una volta scelti i due “capitani” del proprio team, ognuno differenziato per tecnica, velocità e potenza – o equilibrati come nel caso di Mario ad esempio – completiamo la nostra squadra con alcune comparse del regno dei funghi (viva i toad con il costume da pinguino) e piazziamo in porta un solido bulletto pronto ad incassare i tiri più potenti, sempre tenendo d’occhio le statistiche. I moduli fioccano che neanche Allegri o il miglior Zeman, permettendoci poi di salvare la configurazione per utilizzarla velocemente nei match successivi. Le notti di Champions sono qua, non su Mediaset o ad Hyrule!

Breath of the Wild vs Equitazione

Si è parlato tanto di come in Breath of the Wild la cara Epona sia sbloccabile tramite amiibo e della possibilità di catturare cavalli selvaggi per inserirsi nella propria scuderia… ma se dobbiamo parlare di equitazione, non c’è storia: una volta scelto il nostro cavallo preferito tra tecnico, potente, veloce ed equilibrato possiamo coccolarlo affettuosamente per aumentare il nostro rapporto e quindi le prestazioni in gara. Nelle affascinanti cornici che ospitano le nostre competizioni, possiamo metterci alla prova contro altri 5 fantini e i loro destrieri, siano essi controllati dalla CPU o amici collegati in modalità wireless locale o online.

Non è il cavallo più rasserenante di sempre, ma dovreste vedere quelli "potenti"... fanno paura!
Non è il cavallo più rasserenante di sempre, ma dovreste vedere quelli “potenti”… fanno paura!

Le sportellate sono all’ordine del giorno, ma è fondamentale saltare gli ostacoli per non rallentare e saltare ancora una volta (il nostro personaggio si “stacca” letteralmente dalla sella) per raccogliere i bonus sparsi per la pista, anche in posizione elevata. Le carote ci fanno recuperare l’energia del cavallo, così da poterlo spronare maggiormente, mentre le Stelle ci consentono di riempire indicatori speciali che ci garantiscono una botta di turbo da utilizzare per un sorpasso finale. Quando “darsi all’ippica” non è dispregiativo ma una vocazione, entra in gioco Mario Sports Superstars!

Breath of the Wild vs Baseball

Dai, vittoria facile: il massimo che si può fare in Breath of the Wild è disarmare i Moblin perché questi inizino a raccogliere sassi per lanciarceli, così che Link possa rispedirli al mittente usando un ramo con il giusto tempismo. Ma poi i sassi finiscono sempre in faccia e regalano una base al Moblin colpito al corpo… almeno stando alle regole del baseball! Meglio allora mettersi ginocchiere e protezioni per giocare lo sport vero in Mario Sports Superstars! Noi italiani non siamo certo cultori dello sport praticato sul “diamante”, ma i giapponesi ne vanno pazzi e questa versione virtuale ne è la dimostrazione: ogni colpo viene preso in considerazione (veloce, curvo, lento, a forchetta… di tutto!) e il mind-game tra battitore e lanciatore è l’anima della sfida.

No Wario, il diamante nel baseball non è quello che pensi tu...
No Wario, il diamante nel baseball non è quello che pensi tu…

Ovviamente la competizione è limitata ai soli due avversari, per tenere sotto controllo la tensione ed evitare di riversare sul proprio compagno improperi come conseguenza di un errore cruciale. Mai abbassare l’attenzione però, perché c’è sempre qualcuno pronto a rubare una base… ma non ditelo a Wario e Waluigi o potrebbero prendere troppo sul serio questa cosa dei “furti”, soprattutto se parliamo del diamante!

Breath of the Wild vs Tennis

Caro Link, nelle centinaia (migliaia?) di chilometri quadrati di Breath of the Wild non c’è spazio per la competizione in uno degli sport più nobili di sempre. Eppure il tuo vociare così intenso e i tuoi urli (li conosciamo bene, vero?) sembrano proprio quelli che si sentono durante un intenso match a Wimbledon. In Mario Sports Superstars ritroviamo invece l’esperienza pluriennale di Camelot che trasporta in formato portatile quanto visto nel recente Mario Tennis Ultra Smash, senza però le fastidiose trasformazioni con il fungo gigante. Dritto, rovescio, pallonetto… colpo tagliato o top-spin: non manca nulla, tranne la frenesia di un match fatto di colpi assurdi dotati di curvature estreme o capaci di travolgerti come cannonate.

Non è Rosalina, ma che leggiadria!
Non è Rosalina, ma che leggiadria!

Che siate in due o in quattro, c’è spazio per tutti sia in multi locale che online, in quello che è forse – insieme al Golf – è uno degli sport intramontabili di casa Nintendo. Game, set e match? Se c’è in campo Rosalina, la vittoria è sua a tavolino, indipendentemente dal fatto che si giochi su erba, terra o sintetico: le variazioni di velocità e rimbalzo mettono alla prova la nostra capacità di individuare l’eroe che più ci si adatta, sia questo potente, efficace in fase difensiva o dotato di grandi tecnicismi. Federer ci fa un baffo, figuriamoci Link!

Breath of the Wild vs Golf

Qui c’è da dire che è una bella sfida: non si può negare quanto sia grande il piacere di spingere un masso in Breath of the Wild e vederlo rotolare a valle raggiungendo (e travolgendo) i nemici con una clamorosa “hole in one”. Se non vogliamo però macchiarci di efferati stermìni di Moblin, conviene prendere una cartuccia di Mario Sport Superstars e dedicarci al Golf, anche in questa occasione affidato alle sapienti mani di Camelot. Fino a quattro giocatori possono alternarsi lungo i differenti percorsi, con l’introduzione di una modalità manuale di tiro che rende ancora più profondo e interessanti il già complesso sistema di controllo.

Caro Yoshi, per una volta stai tranquillo e concentrati!
Caro Yoshi, per una volta stai tranquillo e concentrati!

Siamo di fronte ad una vera e propria simulazione a cui manca solo un’opzione “stile e aplomb” che ci caratterizzi durante le nostre camminate sul fairway. Non mancano i tiri potenziati, gli effetti, le rotazioni: tutto quello che avete imparato ad amare nelle iterazioni precedenti ritorna qui, in una versione definitiva dell’esperienza. Senza contare che Bowser durante i putt è sempre uno spettacolo.

Terzo tempo: salutiamoci sportivamente

In fase di chiusura di questa sfida in cui Mario Sports Superstars esce chiaramente vincitore, ricordiamo che non ci stiamo facendo mancare nulla neanche in quanto ad amiibo: saranno infatti disponibili delle carte amiibo dedicate (per un totale di 90) che permettono di sbloccare le versioni Superstars dei vari personaggi, ovvero la loro massima espressione atletica, che farà la differenza nelle sfide più intense. È sì possibile potenziarli a livello “Stella” con i nostri progressi di gioco, ma vuoi mettere ottenere un boost prestazionale con una piccola spesa? No, non è doping, ve lo assicuriamo, è tutto in regola! Non ditelo al Coni, però!

Potrebbero interessarti

Recensioni

Unicorn Overlord, una Vanillarecensione

Vanillaware sgancia la bomba e porta un gioco strategico di tutto rispetto nelle nostre maniSono anni e anni che sentiamo parlare di Vanillaware, una software

Recensioni

Persona 3 Portable, recensione di mezzanotte

Il terzo capitolo sbarca su Nintendo Switch con l’edizione più controversaSe Persona 4 Golden è stato il titolo dell’ascesa di Atlus nell’olimpo del genere JRPG

Persona 4 Golden
Guide

Persona 4 Golden, guida ai quiz in classe

Ecco una pratica e utile guida per districarci nel panorama scolasticoPersona 4 Golden è un gioco già molto stratificato di suo, tra battaglie all’ultimo sangue

Articoli

Le abilità di copia più forti di Kirby!

Riscopriamo l’arsenale della pallina rosa a pochi giorni di attesa da Return to Dream Land DeluxeAmiche e amici di NintendOn, buon San Valentino! In occasione

Recensioni

Warp Drive, una recensione in 240p

Belli i giochi di corse, ma è meglio vedere dove si vaNel corso degli anni su Nintendo Switch sono arrivati praticamente tutti i generi videoludici

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto FantasticoLa Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere e

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti!Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il bel

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa!Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di Jimi

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS!Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha intrapreso

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso?I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così non

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto!Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese con