Okami doveva essere il fiore all’occhiello di Clover Studio, secondo Kamiya

Okami-NintendOn
Il gioco Okami di Clover Studio è stato un sogno incompiuto a causa delle sfide interne del team di sviluppo.

Condividi l'articolo

Ma alcuni membri del team erano “poco brillanti”

Nel corso di una recente conversazione video, Hideki Kamiya, ex direttore di Capcom e Platinum Games, e Ikumi Nakamura, veterano di Capcom e Tango Gameworks, hanno discusso di vari argomenti legati al loro lavoro insieme.

Uno di questi progetti era l’amato gioco “Okami”, che avrebbe dovuto essere sviluppato da un “dream team”.

Tuttavia, Kamiya ha rivelato che la realtà non ha rispecchiato questa visione.

Alcuni membri del team hanno brillato, mentre altri sono stati meno all’altezza.

Kamiya ha persino utilizzato il termine “debole” per descrivere alcuni di loro.

“Ōkami doveva essere il titolo simbolo di Clover Studio”, ha dichiarato Kamiya.

“Abbiamo cercato di creare un dream team, con i migliori collaboratori in ogni settore.

Questo era il piano.

Ma alla fine, non tutti, ma l’intero team, a mio parere, è stato debole.”

Kamiya ha sottolineato che, sebbene ci fossero individui senza i quali Okami non sarebbe mai esistito, il team nel suo complesso non ha raggiunto il livello di eccellenza che speravano.

Ha elogiato specificamente Naoki Katakai, Keniichirou Yoshimura, Sawaki Takeyasu, Mari Shimazaki e Hiroshi Yamaguchi per le loro brillanti capacità, ma ha ammesso che il sogno di un team perfetto non si è completamente avverato.

In sintesi, Okami rimane un gioco amato, ma dietro le quinte c’è stata una complessa dinamica di talenti e sfide che ha influenzato il risultato finale.

Potrebbero interessarti