Denuvo risponde alle problematiche riguardanti l’iniziativa sui nuovi DRM per Switch

Denuvo Switch
Denuvo risponde ad alcune problematiche sollevate dall'annuncio del nuovo programma Nintendo Switch Emulator Protection.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Il software di protezione non impatterà la performance.

Denuvo ha manifestato alcuni piani che impatterebbero nuovi DRM (la gestione dei diritti digitali) in seguito al lancio del prodotto denominato Nintendo Switch Emulator Protection, ma un rappresentante ha finalmente risposto ad alcune problematiche sollevate dalle varie parti.

L’azienda fa sapere che il programma è stato creato a causa della forte domanda da parte dei partner che si occupano del publishing, anche se Nintendo non è stata coinvolta. Denuvo afferma anche che la performance in-game non dovrebbe essere impattata dal programma.

Ecco di seguito alcune delle parole del rappresentante:

A causa degli NDA, non abbiamo l’autorizzazione per rivelare i nomi delle aziende, ma possiamo dire che questa soluzione proviene da una forte richiesta da parte dei partner di publishing. I publisher di software e Denuvo pongono grande attenzione nel produrre la miglior esperienza di gioco possibile. La protezione è creata in modo da non modificare l’esperienza per il giocatore, e non ha nessun impatto sulla performance durante il gioco. La stessa cosa accade con questa nuova soluzione nel caso in cui la protezione è attiva soltanto su parti di codice che non sono critiche per la performance.

Inoltre il DRM non sottoporrà i giocatori a controlli online:

Siamo a conoscenza del fatto che Nintendo Switch è una console portatile e quindi ha capacità online limitate, perciò abbiamo creato la nostra soluzione per essere completamente offline, senza requisiti di controlli online.

Una pratica che sarà colpita da questo software sarà quella dell’emulazione. Secondo Denuvo, il suo nuovo DRM restringerà l’utilizzo di gioco legalmente acquistati su PC e funzionanti tramite emulatori:

Come sapete, salvare una copia di backup del proprio gioco acquistato è una scusa da tempo utilizzata dai pirati per giustificare semplicemente la pirateria. La maggioranza dei giocatori utilizza emulatori con ROM recuperate da fonti pirata e non generate personalmente dal gioco fisico. Inoltre, per effettuare la copia avrebbero comunque bisogno di una console modificata.

Cosa ne pensate del nuovo DRM prodotto da Denuvo e delle parole dei suoi rappresentanti? Avete mai generato una copia di backup di un vostro gioco per Nintendo Switch?

Potrebbero interessarti

No more posts to show