Nintendo pubblica un brevetto per combattere l’utilizzo di trucchi e modifiche

Nintendo-SRD-NintendOn
Sembra che la compagnia si stia preparando per contrastare coloro che modificano i suoi giochi.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Un problema che si estende al multiplayer online

La Grande N è solita pubblicare brevetti per ogni tipo di idea, ma non tutti vedono la luce. Tuttavia, questa volta la situazione sembrerebbe diversa.

Il nuovo piano della compagnia prenderà di mira i cheaters, tentando di identificare eventuali modifiche al software. Ciò sarebbe possibile grazie a un programma di attestazione che continua a verificare possibili cambi di codice alle applicazioni.

La tecnologia descritta implementa programmi di attestazione che fanno uso di tecniche di “riutilizzo del codice”. In particolare, la tecnologia si riferisce alla generazione automatica di programmi di attestazione, per verificare, fra le altre cose, se un programma è stato modificato. Per esempio, la tecnologia utilizza uno strumento che esegue la scansione del codice di un software (come un videogioco) alla ricerca di sequenze di codici utilizzabili. Lo strumento può combinare sequenze di codici per generare un ampio numero di diversi programmi di attestazione (come il controllo della memoria, hashing).

Lo stesso brevetto sottolinea che i programmi di attestazione sono particolarmente utili per il multiplayer online e il competitivo, menzionando come i “vantaggi ingiusti” rendono tutto meno soddisfacente per gli utenti. Queste modifiche possono comportare anche rischi per la sicurezza.

I trucchi sono molto diffusi, soprattutto nel multiplayer online. In particolare, gli utenti sono in grado di modificare il software in modo tale da avere vantaggi sui giocatori che si divertono su sistemi diversi. Questi vantaggi ingiusti rendono l’interazione in gioco meno soddisfacente. Inoltre, tali modifiche possono comportare rischi per la sicurezza del sistema di gioco.


Anche se questo genere di brevetto non vedrà mai un annuncio ufficiale, è possibile che venga utilizzato per Splatoon 3, così da combattere i cheaters e qualunque modifica al software.

Potrebbero interessarti

No more posts to show