Masahiro Sakurai svela com’è nato il balletto della vittoria di Kirby

Sakurai NintendOn
In occasione del trentennale di Kirby, il suo creatore Masahiro Sakurai fa un tweet per ricordare alcuni dettagli sullo sviluppo di Kirby's Dream Land

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

E soprattutto, perché si triplica durante il balletto

Alcuni tra i tanti anniversari della grande N vengono celebrati con più sobrietà, senza iniziative marketing gargantuesche e suono di fanfare. È il caso di Kirby, che reduce da un gioco fenomenale uscito proprio quest’anno (e da noi premiato con uno squillante 9, clicca qui per leggere la recensione), compie 30 anni.

Anche se il suo anniversario è meno altisonante di quello dei fratelli Mario (quantomeno a livello di uscite), Nintendo si prepara a celebrarlo con iniziative quali un artwork commemorativo e un concerto dedicato, di cui trovate l’annuncio video a seguire.

Arrivano quindi le parole di Masahiro Sakurai, direttamente coinvolto nei giochi della mitica pallina rosa in quanto creatore del personaggio e dei primi giochi quando era un semplice sviluppatore in quel di Hal Laboratory.

In un tweet dedicato, in rigoroso giapponese, il curatore dell’acclamata serie Super Smash Bros. ricorda proprio quei tempi fornendo dettagli sullo sviluppo del primo gioco di Kirby, quel Kirby’s Dream Land uscito nel 1992 per il piccolo (ma non troppo) Game Boy.

C’era bisogno di animare Kirby in modo tale che facesse un balletto della vittoria, quindi Sakurai ha chiesto quanti frame aveva a disposizione al creatore del famoso jingle della vittoria. Non avendo una risposta precisa allora Masahiro Sakurai registrò il jingle su una musicassetta e lo riprodusse diverse volte.

Nello stesso tweet un fan ha chiesto perché Kirby si triplichi in occasione del balletto. Masahiro Sakurai ha risposto semplicemente, spezzando ogni ipotesi di multiversi e teorie complottistiche, “perché così è più divertente”. Nessun mistero quindi, ma gusto estetico e tanta gioia per la creazione di quei videogiochi che impreziosiscono il nostro tempo libero.

Potrebbero interessarti

No more posts to show