Square Enix temeva che Final Fantasy X-2 avesse un titolo troppo complesso

Un nome troppo complesso? Se oggi fa parte del bagaglio di ogni fan della serie, all'epoca non era affatto scontato.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Come chiamare il sequel diretto del capitolo di una saga del genere?

Posizionare in modo chiaro e comunicativo i propri prodotti fa parte dell’ABC di qualsiasi strategia aziendale. I videogiochi non fanno eccezione, ma quando una saga è così stratificata e il suo universo così “espanso”, a volte può essere un problema. A confermare i dubbi dell’epoca è lo stesso produttore Yoshinori Kitase in un articolo sul PlayStation Blog, raccontando un paio di aneddoti sullo sviluppo di Final Fantasy X e Final Fantasy X-2.

Può sembrare strano, ma una delle sfide più grandi che abbiamo dovuto affrontare durante la realizzazione di Final Fantasy X-2 è stata sul come chiamarlo. Avere un sequel di un gioco principale era del tutto nuovo e quando abbiamo suggerito “X-2”, la società [Square Enix, NdR] inizialmente era preoccupata che sarebbe stato scambiato per Final Fantasy XII e ha rifiutato. Ma da allora, ovviamente, si sono affezionati. Alla fine il gioco si è rivelato più divisivo rispetto ad altri giochi di Final Fantasy – sospetto che sia dovuto in parte al fatto che la sua direzione brillante e vivace gli dia un sapore molto diverso rispetto alle altre iterazioni della serie.

Oggi lo diamo per scontato, quel titolo, ma è curioso come il biglietto da visita di un videogioco abbia bisogno di approvazione e di convincere non solo i fan, ma anche lo stesso publisher. Chi di voi ci ha giocato?

Potrebbero interessarti

No more posts to show