The Legend of Zelda: Link’s Awakening ha influenzato lo sviluppo di Ocarina of Time

Eiji Aonuma ha dichiarato che l'aver giocato a The Legend of Zelda: Link's Awakening lo ha portato a fare determinate scelte in Ocarina of Time.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Scelte in Ocarina of Time non dettate dal caso

Ieri, 20 settembre, su Nintendo Switch è arrivato The Legend of Zelda: Link’s Awakening, remake dell’originale uscito su Game Boy. Il gioco (di cui potete trovare la nostra recensione qui) non solo è uno dei più apprezzati della serie, ma a quanto pare ha influito anche sul più amato capitolo in assoluto, Ocarina of Time.

Eiji Aonuma ha infatti dichiarato che, avendo giocato a Link’s Awakening quando ancora non era coinvolto nello sviluppo dei capitoli della serie, ha poi ripreso alcune idee nel primo titolo 3D della saga.

Eiji Aonuma

Quando ho iniziato a lavorare su Ocarina of Time era la prima volta che molti di noi gestivano un gioco 3D. E quindi è stata una sfida. Non sapevamo cosa fosse giusto fare. Non sapevamo quale fosse la risposta corretta. Ma ho sempre avuto la visione dei sotterranei e del gameplay di Link’s Awakening.

Non l’ho mai detto a nessuno in modo specifico, ma avevo sempre le sue meccaniche in mente e ho cercato di convertire le sensazioni che ho avuto con Link’s Awakening in un mondo 3D.

Se giocherete per la prima volta a The Legend of Zelda: Link’s Awakening e proverete stupore, meraviglia e altre sensazioni, sappiate che molte di queste le ha provate anche Aonuma e che grazie ad esse è nato Ocarina of Time!

Potrebbero interessarti

No more posts to show