Gli sviluppatori di Diablo III hanno parlato del processo seguito nel porting del titolo, e del perché hanno scartato i controlli touch

In una recente intervista gli sviluppatori di Diablo III Eternal Collection, hanno parlato del processo seguito nello sviluppo del porting.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Secondo gli sviluppatori di Diablo III, la possibilità di giocare in modalità portatile di Nintendo Switch è “un’evoluzione” per la serie

In una recente intervista a GameSpot, il producer di Diablo III Eternal Collection, Pete Stilwell, e l’associate producer Matt Cederquist, hanno parlato del processo seguito nello sviluppo del porting del titolo su Nintendo Switch. Secondo gli sviluppatori la possibilità di giocare in modalità portatile è davvero un’evoluzione per il brand:

“Penso che questa sia la prossima evoluzione. La portabilità di Switch e la possibilità di giocare offline con i tuoi amici a livello locale tra più Switch è davvero portentosa. Siamo entusiasti di poter viaggiare, giocare su un aereo, scendere dall’aereo, e caricare i progressi in cloud. “

Nel corso dello sviluppo del porting il team di Blizzard si è concentrato soprattutto nella stabilità del gioco, rendendolo perfettamente godibile a 60fps sia in portatile (a 720p) che docked (960p). Un’altra delle sfide più importanti è stata anche quella dei controlli, visto che il titolo permetterà di giocare anche con un joy-con singolo e nonostante durante lo sviluppo si sia tentato di implementare i controlli touch, alla fine sono stati scartati:

“Abbiamo fatto alcuni esperimenti con il touch, ma alla fine sentivo che non c’erano abbastanza motvi convincenti per usarlo nello stato attuale”.

Potrebbero interessarti

No more posts to show