Gli sviluppatori di SEGA Ages parlano della nascita del progetto, del nome e di tanti altri elementi

EGA 3D Classics Collection Triple Pack,
In un recente numero di Famitsu è stata pubblicata una delle prime interviste agli sviluppatori di SEGA Ages in cui hanno parlato di vari elementi del gioco

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

In un recente numero di Famitsu è stata pubblicata una delle prime interviste agli sviluppatori di SEGA Ages. La rivista ha incontrato i seguenti membri del team:

– Il produttore e direttore principale di SEGA Games, Rieko Kodama
– Il supervisore Yosuke Okunari
– Il produttore senior Kagasei Shimomura
Naoki Horii di M2

L’intervista è iniziata con alcuni interventi sulle origini del progetto. Lo sviluppo è iniziato intorno all’inizio del 2016, quando stavano lavorando a SEGA 3D Fukkoku Archives 3: Final Stage. Come successore di SEGA 3D Revival Project, hanno riconosciuto la necessità di pubblicarlo su home console. Anche persone come Hideki Kamiya e Masahiro Sakurai di Smash Bros. di PlatinumGames hanno chiesto loro: “Perché non l’avete ancora fatto su home console?”

Tuttavia, avevano già quasi esaurito i titoli da far rivivere in SEGA 3D Fukkoku Archives 3 e Okunari ha detto che “il 3 sarebbe stato l’ultimo.” Erano fermi da circa un anno, pensando a come procedere. Ad esempio, c’era un’idea per creare delle collection con generi specifici come un pack di giochi sparatutto ma dal punto di vista del business non avrebbe venduto tanto quanto Fukkoku Archives 3. Horii e M2 erano anche soliti suggerire giochi in realtà virtuale come Space Harrier ma il mercato è ancora piccolo e non si adatta alle esigenze dei fan.

Okunari è stato colui che ha realizzato SEGA 3D Fukkoku Archives 3: Final Stage. Dopo che la terza versione era stata pubblicata, ha chiesto a M2: “Di quanto tempo avete bisogno per finire Virtua Racing su 3DS?” La compagnia ha risposto “circa due anni”, che era un tempo di gran lunga maggiore rispetto a quanto immaginasse.

Durante questo periodo di pausa è arrivato Nintendo Switch e i fan dei giochi classici hanno iniziato a comprare la console, quindi SEGA ha deciso di concentrarvisi. Poiché la maggior parte dei titoli erano stati esauriti con i SEGA 3D Fukkoku Archives, Shimomura ha aggiunto Kodama al team come produttore e direttore principale all’inizio del 2017. Shimomura avrebbe gestito il lato business mentre Kodama il contenuto del gioco così come a determinare fattori come titolo, piattaforma e nuove funzionalità.

Per quanto riguarda la scelta di SEGA Ages come nome della serie, il presidente Matsubara ha ordinato loro di “stabilizzare il marchio se si desidera riavviarlo nuovamente”. E fino ad ora erano soliti svilupparlo in Giappone per poi portarlo oltreoceano, ma questa volta volevano espandersi contemporaneamente in Giappone, Nord America ed Europa. Questo perché SEGA 3D Fukkoku Archives è stato accolto molto bene in occidente ma è stato pubblicato molto tempo dopo rispetto al Giappone.

Al momento di decidere il nome del titolo, hanno tenuto un sondaggio a cui ha partecipato anche il personale americano ed europeo, e quello che ha ricevuto il maggior numero di voti è stato SEGA Ages e Shimomura voleva che il titolo fosse lo stesso in tutto il mondo. Persino M2 e il personale straniero hanno capito rapidamente che SEGA Ages avrebbe contenuto una serie di revival classici dei gioco dell’azienda.

Sul perché è stato scelto Nintendo Switch, Shimomura ha detto che avrebbero dovuto pubblicarlo prima su una piattaforma Nintendo e che Switch dovrebbe essere in grado di ereditare la possibilità di “Giocare ai giochi classici con la console in mano” dal 3DS.

 

Potrebbero interessarti

No more posts to show