Panic Button: “Sviluppare Doom su Switch è stato interessante”

Panic Button è soddisfatta del lavoro svolto nello sviluppo di Doom per Nintendo Switch.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Durante l’ultimo Nintendo Direct, come ben saprete, Bethesda ha annunciato a sorpresa l’arrivo di due suoi grossi titoli di punta sulla nuova console ibrida della grande N: Doom (in arrivo il 10 di novembre) e Wolfenstein II. Ma come sarà stato fare un porting di Doom su Switch?

A spiegarcelo ci ha pensato Adam Creighton, direttore degli sviluppatori di Panic Button ovvero lo studio che si è occupato del porting di Doom su console Nintendo, intervistato da Gameradar ha dichiarato parole al miele per ciò che concerne lo sviluppo del titolo sulla console dell’industria di Kyoto:

Abbiamo una lunga storia di hardware creati su console Nintendo, Switch è sicuramente lo strumento di sviluppo migliore delle sue passate generazioni. I tool sono integrati con Visual Studio, un fattore nuovo per questa generazione di hardware, e poter scrivere e codificare il codice attraverso VS è un enorme miglioramento.

Creighton ha anche rivelato che qualche difficoltà nello sviluppo del porting c’è stata: tuttavia, grazie ai costanti miglioramenti dovuti agli aggiornamenti del kit di sviluppo di Nintendo e al motore ID Tech 6, la creazione del gioco si è rivelata più piacevole del solito.

Potrebbero interessarti

News
Daniele Prota

Il Sonic Team ha un nuovo logo animato

Il Sonic Team ha pubblicato la nuova animazione che farà da apertura a Sonic Frontiers e a tutti i prossimi progetti curati dallo studio.

No more posts to show