Dragon Quest VIII, il creatore parla del gioco e della fusione tra reale e virtuale

Dragon Quest VIII
In una recente intervista Yuji Horii, creatore della serie Dragon Quest, ha parlato della serie in generale, del mondo di gioco di Dragon Quest VIII

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

In una recente intervista Yuji Horii, creatore della serie Dragon Quest, ha parlato della serie in generale, del mondo di gioco di Dragon Quest VIII. Parlando di quest’ultimo Horii ha dichiarato:

Se si può vedere una montagna in lontananza, è possibile correre verso quella montagna e salire su essa. Al giorno d’oggi questa tecnologia è abbastanza banale, ma quando Dragon Quest VIII è stato rilasciato, questo aspetto è stato rivoluzionario. […] Ho pensato che utilizzare la storia come un percorso guida rendesse possibile avventurarsi e divertirsi nel mondo. Mentre abbiamo fornito questa strada, c’era anche intenzione di rendere possibile divergere dal percorso e godersi il gioco liberamente.

Lo sviluppatore giapponese ha poi spiegato che il team ha lavorato sul feedback degli utenti e degli sviluppatori per aggiungere nuovi elementi e scegliere su quali di essi puntare maggiormente. Infine Horii ha parlato più in generale della serie e del suo obiettivo centrale, quello di far vivere al giocatore una vita diversa dalla propria.

Questo concetto non è cambiato dal momento che abbiamo creato l’originale Dragon Quest. L’hardware, invece, continua ad evolversi, e ci sono stati enormi progressi nella tecnologia per realizzare questi mondi. Le persone possono avere esperienze sempre più realistiche nei giochi. Quello a cui vorrei puntare per il prossimo capitolo è una fusione tra il virtuale e il reale. Sarebbe un bellissimo regalo poter creare un gioco che migliori anche la vita reale del giocatore.

Potrebbero interessarti

No more posts to show