Mr. Shifty – Recensione

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Action
Multiplayer: non supportato
Lingua/e: testi a schermo in italiano

Mr. Shifty – Recensione

Nei primi mesi di vita di una console, si affacciano sul mercato un gran numero di titoli che cercano in qualche modo di sfruttare l’entusiasmo del momento. Tra questi si possono scorgere prodotti riuscitissimi, come Wonder Boy: The Dragon’s Trap, e altri meno. Mr. Shifty è ascrivibile a quest’ultima categoria.

Il gioco, pubblicato da TinyBuild, è sviluppato da Team Shifty, una software house composta per lo più da transfughi di Halfbrick e che ha deciso di sviluppare il titolo su quasi tutte le piattaforme esistenti, ma di pubblicarlo in anteprima su Nintendo Switch.

 

Nya ci guiderà per tutta l’Olympus Tower

 

Durante il suo primo reveal nel corso del Nintendo Direct dedicato ai Nindie e pubblicato pochi giorni prima della pubblicazione della console, Mr.Shifty è stato uno dei titoli che più ha catturato l’attenzione: lo stile grafico è senza dubbio accattivante e il gameplay strizza l’occhio a Hotline Miami. Aggiungiamoci il promesso supporto all’HD Rumble, l’innovativa feature dei Joy Con dell’ultima console Nintendo, e possiamo percepire come le aspettative fossero a un buon livello.

Il titolo australiano  è interamente ambientato nella Olympus Tower: impersonando Mr. Shifty, guidati da Nya, bisognerà superare piano dopo piano, orde e orde di nemici a suon di mazzate. Se c’è un elemento che funziona durante l’intera durata della produzione è senza dubbio il gameplay: in ogni singolo momento del gioco mi sono divertito, menare le mani è a dir poco soddisfacente e il feedback restituito dalla pressione dei tasti e dall’HD rumble è davvero indescrivibile. C’è della soddisfazione reale nel premere il tasto di azione per tirare giù un nemico, così come nel menare usando pali, pezzi di legno o bastoni da Ninja. Lo shift, senza dubbio la feature cardine del gioco, è interessantissimo: permette di teletrasportarsi nella direzione verso cui si punta: questo dà modo al giocatore di sorprendere i nemici alle spalle, di oltrepassare muri ed evitare dispositivi. Ovviamente lo shift è limitato e un giocatore disattento potrebbe trovarsi a corto di shift proprio nel momento del bisogno.

 

 

Lo schema dei controlli è semplice, veloce, facile e intuitivo: ci si muove con lo stick analogico sinistro, o con le frecce direzionali, e si usano i tasti d’azione frontali, o i dorsali, per tirare pugni, raccogliere armi e utilizzare lo “shift”. Ogni livello, almeno fino a metà avventura, propone nuove soluzioni creative di gameplay e una buona varietà di nemici: alcuni eseguono solo attacchi fisici, e hanno un’enorme difesa, altri possiedono armi da fuoco, altri ancora sono letali ninja che si muovono alla velocità della luce. La combinazione di più tipi di nemici spinge il giocatore a pianificare l’azione al millimetro.

La grande differenza con Hotline Miami, titolo che molti intuitivamente hanno accostato a Mr. Shifty, è che se nel primo bisogna pianificare a priori l’azione migliore con l’obiettivo di superare una stanza senza morire, in Mr.Shifty è richiesto invece un lavoro di azione e reazione puntuale per evitare di essere uccisi.

 

Il nostro risultato in questo capitolo del gioco
Il nostro risultato in questo capitolo del gioco

 

La combinazione di questi pochi elementi di gameplay dà luogo a delle risse spettacolari, sanguinarie e soddisfacenti. Ed è proprio questo quello che mi ha stupito del gioco: nella sua immensa semplicità il titolo si è fatto divorare in tre singole sessioni di gioco interrotte a forza per evitare di concludere il gioco troppo in fretta. Inutile dire che tutto ciò non è servito a nulla e ho completato il gioco in un singolo giorno.

In 2 ore e 59 minuti spaccati sono giunto al termine del titolo senza difficoltà di sorta. Una seconda run ingiustificata, visto che il gioco è estremamente lineare, sicuramente è computabile in meno della metà del tempo.

 

Qui abbiamo fatto piazza pulita
Qui abbiamo fatto piazza pulita

Il gioco, sviluppato in Unity, è corredato da un discreto comparto tecnico e un mediocre comparto artistico: graficamente gira a 30 fotogrammi al secondo sia in modalità docked che undocked, con un esiguo consumo di batteria, ma, specialmente nelle sezioni più affollate, presenta dei gravissimi rallentamenti che arrivano anche a fermare l’azione di gioco. Niente che mini l’esperienza di gioco ma comunque delle magagne poco apprezzabili. Gli sviluppatori hanno comunque assicurato che nei prossimi giorni sarà pubblicata una patch correttiva per migliorare le performance del titolo.

La colonna sonora è un punto un po’ controverso di tutta la produzione, il main theme è catchy quanto basta e accompagna egregiamente le risse durante tutto il gioco. Il problema è che l’offerta musicale è fin troppo povera e ci troviamo dinnanzi a giusto un paio di brani.

 

Mr.Shifty contro tanti altri giochi validi già disponibili per Nintendo Switch
Mr.Shifty contro tanti altri giochi validi già disponibili per Nintendo Switch

 

In definitiva Mr.Shifty è un titolo sufficiente ma che non svetta: su un gameplay solido non è stato costruito un gioco memorabile. Team Shifty ha creato un gioco che se la cava con un’ampia sufficienza ma non fa più di così: la storia non brilla per originalità e non è ben raccontata, il level design è ben studiato ma privo di guizzi di spessore, la durata è ampiamente insufficiente e alla lunga il gioco risulta anche monotono. Il rischio quindi è di comprare non tanto un gioco che non diverte ma un gioco che dice poco e probabilmente sarà dimenticato nel giro di pochi mesi.

Ho giocato a Mr.Shfty per 2 ore e 59 minuti: il tempo necessario a completare tutta la storia principale del gioco.
Pro: Un action game frenetico, divertente e con un’idea di gameplay davvero interessante
Contro: Ripetitivo, cortissimo e con un level design blando e poco ispirato
6.5

Potrebbero interessarti

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

No more posts to show