Pikmin, Miyamoto voleva che diventasse il nuovo Super Mario

Miyamoto sottovalutati Wii U
Motoi Okamoto, un ex membro di Nintendo, spiega il tipo di approccio che Miyamoto ebbe con Pikmin, che il game designer reputava essere il nuovo Mario.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Shigeru Miyamoto è conosciuto come il padre delle saghe videoludiche più famose al mondo, tra le quali spiccano Super Mario e The Legend of Zelda. Pikmin è certamente tra le sue migliori creazioni, con la sua prima pubblicazione avvenuta nel 2001 su Nintendo GameCube. In un’intervista con Gamasutra, Motoi Okamoto, un ex membro di Nintendo EAD, ha discusso della visione di Miyamoto a proprosito dell’allora nuova IP.

Okamoto ha lavorato per la compagnia tra il 1999 e il 2008, periodo durante il quale partecipò allo sviluppo del gioco dall’inizio alla fine. Stando alle sue parole, Miyamoto pensò a Pikmin come al “prossimo Mario” di Nintendo. Il leggendario game designer voleva che il suo nuovo gioco fosse all’altezza dei suoi capolavori originali.

Capisco cosa Miyamoto intendesse con “il prossimo Mario è Pikmin”. Il gioco fece il suo esordio su GameCube, ed è oggi visto come uno dei suoi capolavori. Creò un gioco incredibile con Mario, e stava cercando di fare lo stesso con Pikmin.

 

Una chiara testimonianza del continuo impegno che Miyamoto ha da sempre riversato nei suoi progetti, non credete anche voi?

Potrebbero interessarti

No more posts to show