Recensioni

SteamWorld Heist – Recensione

Game

La recensione per Wii U del porting del grande titolo di image Form: torna in forma smagliante SteamWorld Heist per home console

La recensione per Wii U del porting del grande titolo di image Form: torna in forma smagliante SteamWorld Heist per home console

Wii U
Ottobre 11, 2016
Genere
Strategico a turni in 2D
Lingua
Testi a schermo in italiano

Image & Form torna su console nintendo, non con un nuovo titolo ma con il porting di uno dei suoi per nintendo 3DS più apprezzati: Steamworld Heist.
La software house ha deciso di soddisfare le richieste dei fan che chiedevano una versione in alta definizione per console Nintendo della sua piccola perla in digital delivery uscita su Nintendo 3DS all’inizio di quest’anno.
Inutile focalizzarsi sui punti chiave del titolo in questione perché ne abbiamo parlato nella recensione della versione 3DS qualche mese fa, alla quale vi rimando per approfondire i dettagli sul gameplay. Per fare il punto ci troviamo dinnanzi a un gioco strategico in 2D  in cui il giocatore viene chiamato da Piper Faraday, il capitano di una ciurma di pirati spaziali robotici che saccheggiano navi di ogni sorta per recuperare oro, armi e in special modo acqua, elemento cardine dell’universo di gioco, fondamentale sia come valuta che come ruolo nella trama.

Gran parte dell’appeal del titolo è dovuto al comparto tecnico e alle scelte stilistiche: lo steampunk è semplicemente perfetto e si adatta al mondo di gioco che gli sviluppatori avevano in mente, comandare strategicamente i robot turno per turno è appagante anche soltanto per le animazioni e la caratterizzazione degli spazi di gioco.
Ovviamente l’alta risoluzione della versione Wii U non può che migliorare ancora di più il risultato ottenuto su Nintendo 3DS restituendo un’immagine nitida e pulita che permette di scorgere i dettagli più nascosti del mondo di gioco. Giocare poi, su uno schermo più grande mette in risalto forse uno dei difetti delle console portatili: la grandezza dello schermo e quindi delle immagini di gioco. Su Nintendo 3DS per alcuni dei colpi a raggio più estesi era necessario muovere la telecamera di continuo e andare a cercare i nemici per lo scenario, con un view of field molto più ampio su Wii U non è più necessario e la fluidità di gioco migliora notevolmente.

La user interface è stata adattata all’ambito home console migliorando, ma non snaturando, l’esperienza di gioco: alcune informazioni che su Nintendo 3DS in precedenza venivano visualizzate sullo schermo inferiore ora compaiono sullo schermo della TV, sempre che non si sia scelto di utilizzare l’off tv play, mentre sul touch screen del Wii U gamepad viene visualizzata una utilissima mappa che permette di tenere lo scenario di gioco sempre sotto controllo e di non perdersi mai per i livelli.
Image & Form ha anche reso disponibile un nuovo DLC, The Outsider, che contiene un nuovo personaggio giocabile, nuove armi, nuovi nemici, un nuovo boss e una mezza dozzina di nuove missioni, così come nuovi cappelli. Sono stati resi disponibili, sul Nintendo eShop, anche due pacchetti per dei cappelli, totalmente opzionali e che non cambiano le caratteristiche dei personaggi in game, Three 4 Free e Hatful Eight.
Mi viene difficile consigliare una versione piuttosto che un’altra: fortunatamente tutte e due le versioni sono perfettamente curate e offrono un’esperienza degna di nota. Sta al giocatore scegliere quale delle due versioni privilegiare e godersi lo spettacolo.

0
10
8.3
La grafica in alta definizione è goduriosa.
Ovviamente tanta bellezza per gli occhi è a discapito della portabilità.

MODUS OPERANDI

Giocato grazie a un codice gentilmente offerto dalle calorose mani di Brjann Sigurgeirsson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *