Dichiarazioni di Iwata sul QOL e sul consumatore tipo

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Come vi abbiamo già accennato in una news precedente, Satoru Iwata ha da poco realizzato un Q&A. Eccovi qui le sue dichiarazioni riguardo il QOL, Quality of Life:

“Nintendo è stata nel mondo dell’intrattenimento per un tempo molto lungo, e stiamo cercando di capire come e perché le persone si immergono nei videogiochi, vale a dire la situazione in cui le persone giocano se ottengono delle ricompense per i loro sforzi. Alcuni consumatori accettano fortemente ciò che offriamo e altri no. Le reazioni dei consumatori variano a seconda delle tipologie di prodotti o servizi. Ciò che è importante qui è il modo in cui utilizziamo le nostre esperienze passate per il business del QOL. Ci rendiamo conto che ci sono due problemi. Il primo è l’ostacolo posto dal fatto che i consumatori sono costretti a fare qualche sforzo per misurare le loro informazioni biologiche, in altre parole, devono fare qualcosa fuori dal comune. Se abbiamo costretto la gente a indossare qualcosa o a sedersi di fronte a una macchina e attendere per qualche minuto, non continuerebbero a farlo a meno che non ricevano delle ricompense per quell’azione. Così, per far si che loro continuino a farlo, la prima cosa che dobbiamo fare è quella di creare una situazione il più vicina possibile alla loro solita routine di sonno, in modo che tutto quello che debbano  fare è di andare a letto nello stesso luogo, come al solito, e dormire. Il concetto di “Five ‘non’ Sensing” che ho presentato oggi è destinato a tale scopo. Inoltre, pensiamo che tutti voi probabilmente trascorriate del tempo con gli smartphone nella vita quotidiana. Il sistema di notifica su tali dispositivi è in grado di aggiornarvi quando ricevete una e-mail, quando c’è un aggiornamento delle notizie o quando il prezzo delle azioni di una società sotto i riflettori è cambiato in modo significativo. Così, l’altra questione chiave è il modo in cui utilizziamo le funzioni di notifica. Poiché vi è ancora un po’ di tempo prima dell’effettivo lancio del QOL, non discuterò dei dettagli in questo momento. Quello che posso dire oggi è che elimineremo l’ostacolo delle misurazioni in modo tale che gli utenti saranno monitorati semplicemente dormendo. Inoltre, siamo convinti che saremo in grado di produrre qualcosa di interessante quando riusciremo a combinare i nostri videogiochi con le funzioni di notifica dei dispositivi portatili che vengono già utilizzati nella vita quotidiana.”

Potrebbero interessarti

No more posts to show