Sakurai spiega i ritardi della versione Wii U di Super Smash Bros.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Masahiro Sakurai, storico director della serie Super Smash Bros., spiega sulle pagine di Famitsu i motivi del ritardo della versione Wii U del titolo, rivelando inoltre quanto sia complessa e curata la fase di debugging del gioco.

“In questo momento siamo in pieno debugging (NDR. la ricerca di errori e bug in un gioco) per la versione 3DS. Centinaia di persone sono impiegate in questo processo che è quindi un progetto davvero enorme. La ragione per la quale il gioco uscirà in seguito su Wii U è perché, così facendo, le fasi di debugging delle due console avvengono in periodi diversi.”

Aggiunge, inoltre, un esempio per far capire ai lettori quanto sia importante e fondamentale questa fase:

“In un precedente titolo di Smash Bros., abbiamo trovato un bug durante il processo di debug in cui se un combattente A colpiva a sua volta un combattente B e i combattenti C e D venivano contemporaneamente colpiti, il gioco si freezava.
Nella fase di debug, quindi, c’è da considerare non solo i diversi combattenti, ma anche gli item , gli stage, le impostazioni di colore, le regole del gioco, le modalità di gioco e così proseguendo, rendendo il numero di combinazioni possibili un numero astronomico. Al fine quindi di eseguire il debug correttamente, ogni pattern deve essere provato.
Ci sono molte ragioni per cui la data di uscita di un gioco subisce un ritardo, ma otto o nove volte su dieci, di solito, è perché un bug non può essere risolto in tempo.
Ma è sempre meglio che rilasciare un prodotto da aggiustare in seguito!”

Ancora una volta, quindi, Sakurai si dimostra un signor sviluppatore: serietà e genio al vostro servizio!

Potrebbero interessarti

No more posts to show