News

Il 2DS era parte del piano originale di Iwata?

Scritto da

Pubblicato il
05 Novembre 2013

Ecco la risposta di Satoru Iwata alla domanda relativa al 2DS postagli nel Q&A di metà anno fiscale 2013:

“Vorrei interpretare il tuo commento come il fatto che Nintendo stia forse deviando dalla sua visione originale lanciando il 2DS, che abbandona il 3D, la maggiore peculiarità del prodotto.
In realtà, lanciare il Nintendo 2DS a questo punto necessita di aver iniziato il suo sviluppo un sacco di tempo fa. In generale, ci vuole circa un anno e mezzo prima che si possa portare un nuovo hardware system sul mercato, e avevamo già realizzato che sarebbe stato difficile massimizzare il potenziale di vendite del nintendo 3DS senza un prodotto di fascia entry-level pronto all’uscita di un nuovo gioco dei Pokémon.
Dato che sapevamo già che il range di opzioni di prezzo del Nintento 3DS non considerava abbastanza quanto fosse alto il cambio dello yen all’epoca , ci siamo preparati per questo lancio. Peraltro lo yen ora è deprezzato e siamo in grado di offrire il nintendo 2DS senza affrontare problemi di profitto. Ciò è stata una coincidenza ottima, vista la struttura del nostro business. Offriamo questa opzione per spingere ulteriormente la popolarità del nintendo 3DS nei mercati oltreoceano.
Il 2DS è, comunque, solo una delle opzioni per i consumatori, e continueremo ad offrire gli esistenti 3DS e 3DSXL nei mercati esteri, e non stiamo in alcun modo dicendo che abbandoneremo il 3D o smetteremmo di creare nuove proposte in 3D. “The Legend of Zelda” che uscirà verso fine anno è un superbo esempio dell’effetto 3D, che include una visuale dall’alto verso il basso ed offre un nuovo stile di gioco sfruttando l’effetto 3D in verticale”