Il capo del Sonic Team non pensa che la “pixel art” sarà ancora utilizzabile in futuro

Sonic Superstars
Takashi Iizuki pensa che lo stile delle avventure del porcospino blu debba essere rinnovato per comunicare evoluzione e nuovi contenuti.

Condividi l'articolo

Iizuki alla ricerca di uno stile che trasmetta evoluzione e nuovi contenuti.

Sembra proprio che nelle idee del capo del Sonic Team e produttore di Sonic Superstars, Takashi Iizuki, la “pixel art” non sarà uno stile ancora utilizzabile in futuro.

In una recente intervista con GamesRadar, riguardante proprio il gioco di Sonic in arrivo, IIzuki ha voluto esprimere alcune parole su questo concetto (Sonic Superstars infatti utilizzerà un 2.5D, laddove i precedenti giochi, fin dalle origini del porcospino blu, presentavano quasi sempre il suddetto stile in “pixel art”). Ecco, di seguito, un brano dell’intervista:

…guardiamo alla pixel art – è bella – ma quando pensiamo a 10-20 anni nel futuro, non crediamo che sarà uno stile artistico o una modalità di presentazione utilizzabile per i nostri giocatori. Dunque, per poter portare avanti le cose e passare al livello successivo, volevamo essere sicuri che stiamo presentando qualcosa che tra 10-20 anni staremo ancora evolvendo e per cui staremo creando nuovi contenuti.

Takashi Iizuki

Lo stile visivo non sarà l’unica novità di Sonic Superstars, dato che per la prima volta si potrà giocare l’intera campagna con fino ad altri tre giocatori in modalità co-op, permettendo ad ogni membro di entrare e uscire liberamente dalla partita. SEGA lancerà Sonic Superstars su Nintendo Switch dal 17 ottobre 2023.

Cosa ne pensate delle dichiarazioni di IIzuki sul cambio di stile artistico in vista del futuro? Preferireste che alcuni titoli della serie Sonic continuassero ad essere realizzati con lo stile originale?

Potrebbero interessarti