Microsoft sostiene che Nintendo abbia un parco di contenuti maturi più ampio di quello Xbox

microsoft nintendo logos
Microsoft fa leva sui contenuti maturi delle ultime produzioni Nintendo per giustificare la propria corsa ad Activision.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Microsoft fa leva sulla competitività di Nintendo per giustificare la volontà di acquisire Activision

Secondo Microsoft, Nintendo offrirebbe una gamma di contenuti maturi più ampia di quella di Xbox. Queste le dichiarazioni emerse nella risposta alla Competition and Markets Authority del Regno Unito sulla volontà di acquisire Activision. Conosciamo tutti l’offerta della “grande N” fortemente dedicata alle famiglie, ma sembra che Nintendo Switch stia operando un cambiamento. Microsoft cita Bayonetta 3, Shin Megami Tensei V che rimane un’esclusiva Switch, ed altri titoli terze parti come The Witcher 3 e NieR: Automata.

L’intenzione di Microsoft è quella di provare che Nintendo si stia rivelando un competitor molto più di quanto lo sia Sony con PlayStation e in questo senso fornire “la prova che Nintendo Switch non è soltanto una console che punta al segmento di clientela adatto a tutta la famiglia ma più ampiamente a un gruppo diversificato di giocatori trasversali alle varie fasce demografiche”.

Ecco di seguito le dichiarazioni di Microsoft.

La dichiarazione delle problematiche in oggetto suggerisce come Sony sia il competitor più vicino a Microsoft nel mercato delle console. Di contro, la dichiarazione sostiene che Nintendo offra hardware e contenuti diversificati, diretti principalmente a un segmento di clienti diverso (e.g. più “adatto alle famiglie”). L’idea che Xbox, Playstation e Nintendo non siano concorrenti vicini tra loro, tuttavia non è corretta. Nintendo offre una gamma di contenuti maturi più ampia di Xbox: la CMA è in errore nell’identificare Nintendo Switch come diretta principalmente alle famiglie. Questo tipo di identificazione non tiene conto del fatto che esiste un maggior numero di giochi maturi/adulti disponibili su Switch e che sono attivamente pubblicizzati, anche sul canale YouTube di Switch. Questi giochi comprendono Apex Legends, The Witcher 3, Doom Eternal, Wolfenstein II: The New Colossus, Cult of the Lamb, NieR: Automata The End of YoRHa Edition, Alan Wake Remastered, Crysis Remastered, Outlast, Little Nightmares, Five Nights at Freddy’s e Life is Strange.

Molte esclusive recenti per Switch hanno ricevuto valutazioni di contenuto maturo: molte delle ultime esclusive Nintendo Switch sono state giochi non “adatti a tutta la famiglia”. Bayonetta 3, un gioco action di terze parti di Platinum Games, è stato classificato come “adatto a un pubblico maturo” dall’Entertainment Software Rating Board (“ESRB”) per la violenza, il sangue e lo splatter, la nudità parziale e il linguaggio con contenuti forti. Allo stesso modo, l’esclusiva di terze parti Shin Megami Tensei V, pubblicata a novembre dello scorso anno, è stata classificata come “adatta a un pubblico maturo” dall’ESRB, per il sangue, la nudità parziale, per le tematiche sessuali e la violenza, facendo notare che “il gioco rappresenta vari mostri femminili con i seni e il sedere parzialmente esposti; appare anche una creatura con testa e torso di forma fallica. Una manciata di demoni (ad esempio Succubus, Incubus) sono descritti con caratteristiche sessuali…Le parole “f@n#lo” e “m&rd@” appaiono nel gioco”. Nonostante questi contenuti non siano chiaramente “adatti a tutta la famiglia” entrambi i titoli sono stati attivamente pubblicizzati da Nintendo, compreso durante le presentazioni Nintendo Direct in cui l’azienda pubblicizza e mostra i suoi prodotti più recenti. Questo è la prova che Nintendo Switch non è soltanto una console che punta al segmento di clientela adatto a tutta la famiglia ma più ampiamente a un gruppo diversificato di giocatori trasversali alle varie fasce demografiche.

Cosa ne pensate delle dichiarazioni di Microsoft? Credete che Nintendo sia cambiata con il ciclo Nintendo Switch? Pensate che l’argomento possa valere nella corsa di Microsoft ad Activision Blizzard?

Potrebbero interessarti

No more posts to show