Dietro i nomi dei sacrari in Zelda: Breath of the Wild si celano gli sviluppatori del gioco

Dietro i nomi dei sacrari in Zelda: Breath of the Wild si nascondono gli anagrammi dei nomi degli sviluppatori del gioco. Ecco alcuni esempi.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

I sacrari in Zelda: Breath of the Wild nascondevano una prova che forse non tutti gli eroi hanno superato

Ci avviciniamo sempre di più all’arrivo del seguito di The legend of Zelda: Breath of the Wild, e ancora questo titolo sorprende con segreti, trucchi e scorciatoie le cui scoperte sono in continuo aggiornamento. Proprio per questo, siamo sicuri che molte curiosità saranno sfuggite anche agli occhi degli eroi più attenti.

Ad esempio: quanti di voi erano a conoscenza del fatto che i nomi dei sacrari non sono altro che gli anagrammi dei nomi degli sviluppatori?

In realtà, quanto detto è vero, ma avviene per via indiretta: i sacrari portano i nomi dei monaci che risiedono al loro interno, e i nomi di molti di questi provengono proprio dagli ideatori del titolo. Una lista dei nomi e della loro etimologia (se presente) è facilmente consultabile grazie alla pagina che Zelda Wiki ha dedicato proprio ai monaci di Breath of the Wild su Fandom.com, ma qui riportiamo alcuni esempi:

  • Goma Asaagh = Masatoshi Ogawa, System Tool Developer
  • Zuna Kai = Eiji Nakamura, Sound Designer
  • Zalta Wa = Satoru Takizawa, Art Director
  • Oman Au = Eiji Aonuma, Producer
  • Kaam Ya’tak = Takashi Yamamoto, Gameplay Animator
  • Ja Baij Hidemaro = Fujibayashi, Director

La lista è ovviamente più facile da seguire se si confronta con la versione giapponese del gioco (e quindi con i relativi nomi dei sacrari), in quanto il paragone risulta più immediato, ma è in ogni caso una curiosità davvero affascinante da scoprire.

Potrebbero interessarti

No more posts to show