Return to Monkey Island, la reazione negativa di alcuni fan ha preoccupato il creatore della serie

Return to monkey Island
In un post del suo blog Ron Gilbert spiega perché alcune delle reazioni allo stile artistico di Return to Monkey Island lo abbiano reso triste.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Anche la pixel art fu “stato dell’arte” tecnologico!

Il mese scorso internet è stato scosso dalla notizia dell’esistenza di Return to Monkey Island, titolo che è già in lavorazione e che vede alla guida il creatore iconico della serie, Ron Gilbert. L’annuncio proseguiva confermando che il gioco arriverà entro l’anno, anche se non abbiamo conferme sul fatto che possa approdare anche su Nintendo Switch.

A seguito del trailer d’annuncio, i fan di The Secret of Monkey Island e Monkey Island 2: LeChuck’s Revenge hanno discusso dello stile artistico verso cui si sta muovendo la serie, certamente più moderno e astratto, e per quanto cartoonesco ed ironico nell’animo, ben lontano dalla pixel art delle origini.

Ron Gilbert stesso ha risposto ai fan tramite un post del suo blog: il nostro ha doverosamente chiarito che la direzione artistica dei tempi non era “pixel art”, ma rappresentava la tecnologia allo stato dell’arte per l’epoca in questione; per questo Gilbert non ha nessuna intenzione di dar vita ad un retro game con Return to Monkey Island. Ecco di seguito un estratto del suo intervento:

Quando Dave [Grossman] ed io abbiamo iniziato a fare brainstorming su Return to Monkey Island abbiamo parlato di pixel art, ma non ci sembrava giusto. Non volevamo fare un retro game. Non si può leggere un articolo su Thimbleweed Park senza che venga additato come un “gioco alla vecchia maniera”. Non volevo che Return to Monkey Island fosse solo un gioco alla vecchia maniera, volevo portare avanti Monkey Island proprio perché è interessante, divertente ed eccitante. Questo è ciò che i giochi di Monkey Island hanno sempre fatto.

Ron Gilbert

Addirittura Gilbert ha aggiunto che alcuni dei commenti dei fan lo hanno reso “triste”, proprio perché sembrerebbe che la frangia più hardcore degli appassionati sia quella più delusa dal nuovo stile grafico:

È ironico che le persone che non vogliono che io realizzi il gioco che vorrei veramente fare, siano alcuni dei fan più hard core di Monkey Island, e questo è ciò che mi rende più triste riguardo a tutti i vari commenti.

Ron Gilbert

In verità, quanto visto finora sembra un’evoluzione credibile dei classici stilemi di Monkey Island. Qual è il vostro parere al riguardo? Siete contenti della direzione intrapresa da Ron Gilbert e dai suoi collaboratori?

Potrebbero interessarti

No more posts to show