Live A Live e l’HD-2D: gli sviluppatori ci raccontano la filosofia dietro il remake

live-a-live-nintendon
Perché prediligere l'HD-2D? I motivi degli sviluppatori del remake di Live A Live.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

I perché dietro un remake come Live A Live

Live A Live avrà nuova vita su Nintendo Switch il prossimo 22 luglio dopo ben 28 anni dal suo esordio, obiettivo inseguito per tanti anni dagli sviluppatori. Grazie a un’intervista condotta sulle pagine di Famitsu e tradotta da Nintendo Everything, scopriamo il perché di determinate scelte dietro questo remake, in particolare i motivi che hanno portato a prediligere uno stile artistico peculiare come quello dell’HD-2D.

Sono passati circa 28 anni da quando il gioco è stato pubblicato sul Super Nintendo. Ora che il tanto atteso remake HD-2D è stato annunciato, potreste iniziare a spiegarci come siete arrivati a svilupparlo?

Tokita: Ho premuto internamente per un remake o un sequel diverse volte, ma le circostanze non ci sono state favorevoli e l’idea è stata abbandonata. Uno dei motivi che ci ha permesso di sviluppare il remake è arrivato con l’adesione al team di Mr. Asano, responsabile di Octopath Traveler quattro anni fa. Quando pensavamo al progetto, ci chiedevamo se avessimo potuto usare l’HD-2D per creare un remake di Live A Live e dopo aver discusso col team l’abbiamo reso una realtà.

Come osservatore esterno, Octopath Traveler ha lasciato un segno importante su di me. Mi ha fatto capire quale tipo di approccio sarebbe stato possibile. Penso che un remake totalmente in 3D avrebbe cambiato troppo il look del gioco, ma il remake HD-2D fonde la bellezza della pixel art con gli effetti unici e possibili solo col 3D.

Ci sono divere trame sin dall’inizio in Live A Live. Le sezioni science-fiction potrebbero essere migliori col 3D, mentre la parte artistica disegnata a mano può essere usata per mettere in evidenza elementi più importanti. L’HD-2D permette tanta varietà, che è qualcosa che avevamo in mente già agli albori dello sviluppo.

Insomma, sembra che questa tecnica mista abbia fatto solo del bene al gioco e agli intenti del team di sviluppo, che si è finalmente concentrato per esprimere al massimo il potenziale di Live A Live. Voi che ne pensate di questo titolo? Dopo tanto tempo, potremo finalmente sviscerarlo a fondo!

Potrebbero interessarti

No more posts to show