Microsoft si è separata da Moon Studios a causa del suo ambiente di lavoro tossico

ori-and-the-will-of-the-wisps-nintendon
Ex-dipendenti di Moon Studios, software house di Ori, hanno riferito di aver subito maltrattamenti da parte dei leader dell'azienda, e Microsoft lo sa.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

L’azienda austriaca sembra essere un posto molto poco accogliente

Ori and the Blind Forest e Ori and the Will of the Wisps sono giochi nati sotto l’ala di Microsoft, sviluppati dall’azienda austriaca Moon Studios, e sono stati molto apprezzati dalla critica e dai giocatori.

Nonostante entrambi i titoli siano di una indiscutibile bellezza, l’ambiente di lavoro all’interno della software house ha subito numerosissime critiche da parti di ex-dipendenti, e sembrerebbe essere la causa scatenante della scissione con Microsoft.

Un report di GamesBeat parla estensivamente di questo argomento. Moon Studios si presenta come un’azienda estremamente aperta, con i fondatori Thomas Mahler e Gennadiy Korol che sostengono di favorire una struttura “piatta”, in cui tutti possono dare il loro contributo. Nella realtà, stando a quanto dichiarato dagli ex-dipendenti stessi, questa idea di struttura non è mai stata applicata: Mahler e Korol hanno sempre tenuto un controllo coercitivo sui lavoratori, e non mancavano di denigrarli con offese esplicite, anche razziste e sessiste.

Nell’ultimo podcast di GamesBeat, Jeff Grubb parla proprio di come questa situazione abbia portato alla scissione.

Questa cultura non è qualcosa di “contenuto”. Microsoft è a conoscenza di cosa succede in questa compagnia, e una volta finito Ori 2, c’è una ragione per cui il prossimo gioco verrà pubblicato da Private Division e non da Microsoft. Me lo hanno riferito esplicitamente stamattina, che Microsoft lo sapeva e che tutti lo hanno capito… quest’azienda è così.

A prescindere da questa terribile situazione all’interno della software house, Ori 1 e 2 sono entrambi disponibili per Nintendo Switch, nel caso vogliate recuperarli.

Cosa ne pensate di questa situazione?

Potrebbero interessarti

No more posts to show