Nintendo ha interrotto tutte le spedizioni verso la Russia

nintendo-logo-nintendon.jpg
Il conflitto in corso sta costringendo le aziende videoludiche a prendere misure di sicurezza: anche Nintendo ha bloccato le spedizioni verso la Russia.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Anche Nintendo si unisce alle voci contro la guerra in Ucraina

Viviamo un periodo molto buio, purtroppo, con il conflitto Russia-Ucraina che sembra non arrivare ancora a una soluzione diplomatica per porre fine alle ostilità.

Il mondo videoludico si è riunito e sta cercando in tutti i modi, con i mezzi a sua disposizione, di far risuonare il suo grido all’unisono: “No alla guerra“.

Nintendo, da parte sua, ha già sospeso i pagamenti in sul Nintendo eShop russo. Ora si aggiunge un’ulteriore misura di protesta: anche tutte le spedizioni verso la Russia sono state bloccate temporaneamente. La notizia è stata diffusa da Eurogamer in seguito a una comunicazione ufficiale di Nintendo:

Abbiamo deciso di sospendere tutti i servizi di spedizione di prodotti Nintendo verso la Russia nel prossimo futuro. Questa scelta è dovuta alla considerevole volatilità riguardo la logistica di spedizione e distribuzione di beni materiali nel territorio russo. Inoltre, il Nintendo eShop russo è attualmente in manutenzione in seguito alla sospensione delle transazioni in rubli russi.

È davvero un peccato vedere tutte le maggiori compagnie intraprendere queste misure di sicurezza, ma è il prezzo da pagare per il conflitto in corso. Il termine della guerra porterà la fine di questa situazione surreale sia per il popolo ucraino che per quello russo, e possiamo solo sperare che accada presto.

Potrebbero interessarti

No more posts to show