News

Nintendo ammette che ingrandire lo schermo su Switch OLED non è stato semplice

Game

In un’intervista ufficiale Nintendo, Ko Shiota e Toru Yamashita parlando di quanto sia stato complicato utilizzare uno schermo più grande su Switch.

In un’intervista ufficiale Nintendo, Ko Shiota e Toru Yamashita parlando di quanto sia stato complicato utilizzare uno schermo più grande su Switch.

nintendo-switch-oled-confronto-1620x800
Ottobre 9, 2021

Shiota e Yamashita parlano delle loro difficoltà

È finalmente arrivato sul mercato Nintendo Switch OLED, il nuovo modello di Nintendo Switch con schermo migliorato, e gli acquirenti stanno finalmente provando sulla propria pelle la bontà dello schermo OLED introdotto su questa nuova versione. Lo schermo di Switch OLED, però, non è solo migliore: è anche sensibilmente più grande, con una diagonale di 7 pollici rispetto ai 6,2 pollici della versione standard.

Nella recente intervista “Ask the developer” pubblicata sul sito ufficiale Nintendo, Ko Shiota e Toru Yamashita, entrambi manager del dipartimento tecnologico Nintendo, hanno parlato di come adottare uno schermo più grande su Nintendo Switch OLED sia stata una grande sfida per gli ingegneri della compagnia.

Ecco la traduzione dell’intervista:

Avevate considerato l’idea di ingrandire lo schermo fin dal principio?

Yamashita: In origine, abbiamo pensato di fare lo schermo più grande. Su questo modello, lo abbiamo effettivamente ingrandito, e abbiamo inoltre assottigliato i bordi intorno allo schermo. Una delle sfide più grandi nel migliorare questo nuovo modello è stata quella di aumentare le dimensioni dello schermo mantenedo le stesse dimensioni della console.

Shiota: Questo schermo OLED usa del materiale organico che permette di visualizzare colori più vividi. Inoltre, i neri sono più profondi, quindi anche il contrasto tra nero e bianco è aumentato. In ogni caso, abbiamo dovuto inserire tutte le parti necessarie a far funzionare il nuovo schermo, come i circuiti e i cavi, nei bordi più sottili. Non avremmo avuto problemi a farli entrare nei bordi del vecchio modello, ma questa volta non funzionava allo stesso modo. Per questo, ci siamo consultati con il nostro fornitore di display, e abbiamo trovato una soluzione: abbiamo messo tutti i circuiti necessari in una pellicola e abbiamo piegato questa pellicola all’interno dei bordi.

Yamashita: Inoltre, anche se i colori sono diventati più vividi grazie alla tecnologia OLED, alcuni acquirenti li hanno trovati persino troppo accesi. Per risolvere questo inconveniente, abbiamo fatto in modo che il giocatore stesso possa selezionare una modalità colore “standard”, con la quale i colori tornano a essere più simili a quelli di un normale schermo LCD. Chi preferisce i colori vividi dello schermo OLED, però, può tenere la console in modalità “colore vibrante”, che è la modalità preimpostata sul nuovo modello.

Capisco. Quindi è possibile scegliere lo stile di colore a seconda della propria preferenza. Quindi non sembra una semplice questione di luminosità o dimensioni dello schermo su questo display OLED.

Yamashita: Era importante che il display non risultasse solo più vivido ma anche più sottile. Questi sono solo i “cambiamenti visibili”, ma ci ha anche permesso di rendere il kickstand più grande. Lo stand viene utilizzato per usare la console in modalità portatile poggiata su un tavolo, ma a seconda dell’angolo con cui si guarda lo schermo potrebbe essere possibile notare un effetto glare. Per questo motivo abbiamo fatto in modo che l’angolo dello schermo si possa cambiare a piacimento, per migliorare la visibilità e rendere l’esperienza di gioco più confortevole. Per raggiungere questo obiettivo senza aumentare le dimensioni del dispositivo, era necessario che lo spessore del display fosse minore.

Potrebbe interessarti: Nintendo racconta com’è nata l’idea di Switch OLED

Secondo Shiota e Yamashita, quindi, avere uno schermo OLED, che per natura è più sottile di un LCD classico, avrebbe permesso anche di utilizzare il nuovo kickstand migliorato. Questo spiegherebbe perché, nel vecchio modello, il kickstand era così ridotto nelle dimensioni e poco funzionale.

Il nuovo schermo OLED di Nintendo Switch sembra essere stato davvero un obiettivo complicato da raggiungere dal punto di vista tecnologico, ma se non altro la sua introduzione ha migliorato anche altre criticità di Nintendo Switch, rendendolo di fatto un prodotto migliore sotto molti punti di vista.

Voi avete acquistato Nintendo Switch OLED o avete preferito mantenere il vostro vecchio modello?

Fonte: Nintendo,

2 thoughts on “Nintendo ammette che ingrandire lo schermo su Switch OLED non è stato semplice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *