News

Metroid Prime, Nintendo pose fine al crunch nei Retro Studios

Game

Una recente intervista a Mike Wikan ha rivelato i tempi di crunch dietro a Metroid Prime e l’intervento provvidenziale di Nintendo.

Una recente intervista a Mike Wikan ha rivelato i tempi di crunch dietro a Metroid Prime e l’intervento provvidenziale di Nintendo.

Metroid Prime
Settembre 8, 2021

Per il primo capitolo ci furono sessioni di 48 ore filate.

In un recente episodio del Kiwi Talkz podcast, l’ex sviluppatore dei Retro Studios Mike Wikan ha parlato della questione del crunch nei loro progetti iniziali, a cui pose fine Nintendo.

Wikan ha fatto sapere che i Retro Studios furono soggetti ad un lungo lasso di cruch durante lo sviluppo di Metroid Prime. Addirittura c’erano casi in cui lavorò per 48 ore di fila, con una sola ora di sonno e poi un altro paio di sessioni da 36 ore filate. Nonostante quanto si vociferava riguardo a Metroid Prime 2, invece, i tempi di crunch in quel caso non furono così frequenti per via del fatto che Nintendo intervenne inserendo Michael Kelbaugh (l’attuale CEO di Retro) nel ruolo di leader principale.

Ecco parte delle parole di Wikan:

Durante lo sviluppo di Metroid Prime il cruch era un dato di fatto. Per Metroid Prime 2 e 3 non lo fu. Dopo Metroid Prime raramente siamo stati costretti al crunch. C’è stato un cambio di leadership tra Metroid Prime 1 e 2.

Abbiamo fatto del crunch, ma non è mai stato come la marcia di morte di nove mesi al termine di Metroid Prime 1. Quella è stata la peggiore.

Mi è capitato due volte in cui sono stato lì per 48 ore filate con una sola ora di sonno e poi un paio di sessioni da 36 ore di fila. Negli ultimi nove mesi eravamo lì praticamente tutti i giorni della settimana per giornate intere a lavorare sul gioco.

Alla fine di quel periodo tutti erano pronti a mollare. Dicevamo cose tipo ‘Io smetto.’ Avevo due offerte di lavoro da due aziende differenti, e fu merito di Nintendo che capì cosa stava succedendo e venne a rilevare il nostro studio comprandolo. Misero Michael Kelbaugh a capo dello studio. Lui è un ragazzo d’oro, veramente una brava persona. Era il capo del dipartimento QA (responsabile della qualità) di Nintendo. Ci disse ‘Ragazzi, datemi qualche settimana per cambiare le cose.’ Ed effettivamente lo fece.

Riportò la fede nella guida dell’azienda e nell’azienda stessa. Amavo lavorare per Nintendo.

Mike Wikan

Alla fine Wikan ha proseguito per circa dieci anni il suo lavoro a Retro Studios. Oltre ai primi giochi di Metroid Prime ha lavorato anche a Donkey Kong Country Returns come senior designer.

Potrebbe interessarti:
Prime 2-D, il progetto-demake di un appassionato, bloccato da una “compagnia legata ai videogiochi”.

Che ne pensate di questa storia? Una buona gestione del crunch da parte di Nintendo? Qual è il vostro capitolo preferito di Metroid Prime?

One thought on “Metroid Prime, Nintendo pose fine al crunch nei Retro Studios

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *