Zelda: Phantom Hourglass prese un puzzle di peso da Another Code: Two Memories

Tra i numerosi e ispirati puzzle di Zelda: Phantom Hourglass ce n'è uno, tra i più singolari, che in realtà è ripreso da un altro gioco...

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Tu chiamale, se vuoi, ispirazioni

The Legend of Zelda: Phantom Hourglass è uscito sul mercato nell’ormai lontano 2007, ma è rimasto nel cuore di tanti appassionati della saga possessori di Nintendo DS. Al suo interno vi erano presenti, naturalmente, diversi puzzle ed enigmi da risolvere, e uno di questi prevedeva una risoluzione decisamente originale.

Bisognava, difatti, effettivamente di chiudere fisicamente la console per permettere a una immagine di trasferirsi da uno schermo all’altro. Un’idea molto originale e peculiare, che in realtà, però, non tutti sanno essere originaria al di fuori della saga di Zelda.

Potrebbe interessarti:
The Legend of Zelda: Phantom Hourglass, un nuovo trademark è stato registrato in Australia


Sia Another Code: Two Memories che Hotel Dusk: Room 215, usciti precedentemente sempre per DS, proponevano un enigma molto simile. I due titoli, creati dallo studio Cing (non più esistente) erano comunque usciti sotto l’egida di Nintendo, che ne detiene attualmente i diritti, tanto da averne gli Spiriti tra quelli presenti in Super Smash Bros. Ultimate.

Potrebbero interessarti

No more posts to show