News

Un pupazzetto di Link è stato il portafortuna olimpico di una medaglia d’Oro

Game

L’Oro alle Parallele asimmetriche dell’atleta belga Nina Derwael è anche “merito” di un portafortuna speciale: un pupazzetto di Link.

L’Oro alle Parallele asimmetriche dell’atleta belga Nina Derwael è anche “merito” di un portafortuna speciale: un pupazzetto di Link.

Agosto 5, 2021

The Legend of Zelda: Ocarina of victory

Le olimpiadi di Tokyo 2020 passeranno alla storia, probabilmente, come le più “nerd” di sempre: le rappresentanze nazionali sono entrate in campo accompagnate da musiche di videogiochi nipponici e svariati atleti hanno mostrato segni di “nerditudine” a vari livelli.


Arriva ora la notizia che Link e la sua ocarina hanno (più o meno) messo lo zampino nella vittoria dell’Oro alle Parallele asimmetriche dell’atleta belga Nina Derwael, grazie a un pupazzetto portafortuna.

Il particolare più curioso è che, in realtà, la figure non appartiene alla giovane sportiva ma alla sua allenatrice, Marjorie Heuls, che ha dichiarato:

Questo è un portafortuna che ho ricevuto dai miei figli nel 2017, quando Nina ha vinto il bronzo ai Mondiali di Montreal. Il pupazzetto è Zelda [sic], un personaggio creato da un autore giapponese, con cui mio figlio giocava da piccolo. (…) Per me è simbolico, è come se avessi i miei figli con me, così. Chiaramente, è anche un portafortuna.

Appare evidente che il tutto nasce, in questo caso, dall’attaccamento alla famiglia e al pensiero dei e per i figli, più che dalla passione per la serie Nintendo: Heuls difatti cade nel più classico dei “tranelli”, chiamando Link Zelda‘. Che vogliamo farci, del resto?

Potrebbe interessarti:
Nintendo, emergono i piani cancellati per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi


La domanda, più che altro, è: si tratta di un Amiibo brutalizzato e senza base e armi o di un pupazzetto (magari bootleg) che ne sfrutta la stessa posa?

Fonte: HLN,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *